Mercoledì, 30 Novembre 2022
ad

Come avere una casa più naturale: 5 pratici consigli

Una casa sana è il luogo ideale dove vivere e crescere la propria famiglia. Il benessere, sia per le persone che per il pianeta, si può perseguire anche se si vive in città o in un luogo dove l’inquinamento è molto alto. Vediamo 5 consigli da seguire alla lettera per avere una abitazione meno inquinata.

Come avere una casa più naturale: 5 pratici consigli

Quando si ha intenzione di rendere più salutare la propria abitazione, aspetti come la pulizia, la manutenzione e la qualità dell’aria non devono essere trascurati. La riduzione di sostanze inquinanti in ogni ambiente della propria dimora è un ulteriore plus che può solo che portare un vantaggio alla salute di chi vi abita.

Oltre a seguire uno stile di vita salutare e scegliere i migliori rimedi naturali per la casa, ci sono una serie di metodi molto semplici per ridurre al minimo la presenza di sostanze insalubri nella propria abitazione. Vediamo i 5 consigli che riteniamo essere i più indicati da mettere in atto il prima possibile.

1: Scegli di aggiungere più piante per purificare l’aria

L’inquinamento dell’aria all’interno delle abitazioni, in alcuni casi, può essere superiore anche di 2 o 3 volte a quello esterno. Questo può essere molto grave, poiché si trascorre in casa circa l’80% della giornata. In particolare se si lavora in Smart Working o si vuole riposare. Uno dei sistemi più efficaci, e al tempo stesso più piacevoli per la vista, per purificare l’aria è quello di aumentare il numero di piante all’interno della propria abitazione.

Può sembrare impossibile, ma piante come l’edera inglese, l’aloe vera e i gigli della pace sono in grado di filtrare l’aria e rimuovere una considerevole quantità di tossine. Inoltre, filtrando l’aria assorbono la CO2 e immettono ossigeno negli ambienti.

Per chi vuole rendere ancora più efficace il lavoro delle piante e quindi ridurre l’inquinamento dell’aria all’interno della propria abitazione, può:

  • acquistare un deumidificatore per evitare la formazione di muffe e tenere sotto controllo l’umidità;
  • evitare di fumare sigarette o pipe all’interno dell’abitazione;
  • pulire regolarmente;
  • aprire le finestre per far entrare aria fresca e uscire quella viziata.

2: Togliete le scarpe all’entrata dell’abitazione

Le suole delle scarpe sono uno dei tramiti maggiori per l’ingresso di batteri, sporcizia e sostanze chimiche all’interno delle proprie abitazioni. Se si vuole evitare che questo accada, è bene scegliere di lasciare all’esterno della propria abitazione, o almeno sull’uscio, le proprie scarpe e quelle delle persone che vengono a trovarvi.

Se si hanno molte scarpe, è sempre possibile installare una scarpiera per esterni vicino alla porta di casa. In questo modo, anche se c’è umidità o piove, le scarpe potranno rimanere asciutte ed essere pronte all’uso.

3: Fate decluttering a ogni cambio stagione

Il decluttering è un’azione che all’inizio può fare paura, ma se affrontata a piccoli passi – magari stanza per stanza – potrà risultare meno impattante di quello che si crede. Farlo quattro volte l’anno, permette di non accumulare troppe cose e di avere sempre tutto in ordine. Una casa ordinata, oltre a permettere di trovare tutto in poco tempo, vedrà formarsi con più difficoltà la polvere.

Per eseguire un corretto decluttering, si può procedere con:

  • tenere quattro scatoloni/bidoni. Andranno utilizzati per gli oggetti da riciclare, la spazzatura, gli oggetti da riparare e per ultimo gli oggetti da donare;
  • cercate di non sforzarvi troppo. Invece di fare decluttering di tutta la casa in una sola volta, cercate di farlo in più trance. Magari dedicandovi un paio di ore nel fine settimana o quando avete una giornata in cui siete liberi dal lavoro;
  • prima di mettere un oggetto in uno dei contenitori, ponetevi queste domande:
        Si tratta di un oggetto che amo?
        Ne ho davvero bisogno?
        La sua presenza è di grande utilità o meno?

Una volta che avere risposto a queste tre semplici domande, sarete sicuri al 100% su dove mettere l’oggetto che tenete in mano. Se non riuscite a trovare la risposta per queste tre domande, pensate se l’oggetto è stato utilizzato o meno negli ultimi 12 mesi.

4: Pulite con attenzione i tappeti

I tappeti sono tra i maggiori ricettacoli di polvere e insetti nelle abitazioni. Pulirli in maniera approssimativa e in malo modo non è sicuramente il modo migliore per tenersene cura. Pulirli correttamente e con estrema attenzione, oltre ad essere un plus per la propria salute, permette anche di aumentarne la loro durata.

Se non si è in grado di eseguire una pulizia approfondita del tappeto si può chiedere l’intervento di un professionista. La sua esperienza e la scelta dei giusti prodotti, permetteranno al tappeto di tornare quasi come nuovo.

5: Installa un filtro per l’acqua

Se nella propria città o paese è presente un acquedotto cittadino, la qualità dell’acqua di norma è sempre alta. Tuttavia, non sempre tutti amano bere l’acqua che esce direttamente dal rubinetto. L’unica alternativa a questa soluzione, se non si possiede un filtro per l’acqua, è quella di acquistare delle bottiglie di acqua al supermercato. Soluzione, che nel medio/lungo termine risulterà essere decisamente antieconomica e poco amica dell’ambiente.

La scelta di installare un filtro per l’acqua a monte del proprio impianto idrico, permetterà a tutta l’abitazione di avere acqua filtrata e più salutare. Per il proprio corpo quando ci si lava, quando la si beve ma anche quando la si utilizza per le pulizie di tutti i giorni.

Andare a migliorare la “vivibilità” della propria abitazione grazie a questi semplici consigli è molto semplice. Sono facili da realizzare e non comportano un grosso impegno alla fine dei conti. Sentirsi maggiormente a proprio agio nella propria abitazione, è sicuramente un vantaggio che tutte le persone vogliono provare almeno una volta nella propria vita. Pensate a cosa può risultare se questa sensazione la potete provare tutti i giorni.