I dati preoccupano: Buzzi Unicem tra le 120 industrie più inquinanti d’Italia

Buzzi unicem

Da mesi ormai il cementificio Buzzi Unicem è nel mirino delle istituzioni e dell’Agenzia europea dell’Ambiente che l’ha inserito tra le 120 industrie italiane più inquinanti (come vi avevamo già segnalato). Secondo recenti studi supportati dai dati raccolti, vivere vicino a un cementificio aumenta le probabilità di contrarre un tumore alla cistifellea. Questo tumore ha origine in genere dalle cellule degli strati più interni della parete della colecisti provocandone l’ispessimento. In seguito la massa tumorale può anche invadere le strutture vicine (fegato, duodeno, coledoco) ed è proprio questo che può rendere il tumore realmente pericoloso per l’organismo umano dato che senza cistifellea si potrebbe vivere una vita assolutamente regolare.

Il registro tumori della Bat è stato analizzato da Agostino Di Ciaula (medico e coordinatore del comitato scientifico Isde Italia), il quale ha osservato che nella zona di Barletta e Canosa c’è un’ incidenza della suddetta malattia superiore del 10% rispetto alle altre regioni italiane meridionali e del 18% rispetto al resto del Paese. La situazione non è assolutamente trascurabile tanto da spingere il sindaco di Barletta Pasquale Cascella a coinvolgere l’Arpa e l’Asl Bat per un’analisi approfondita della qualità dell’aria di Barletta e delle zone limitrofe. Purtroppo molte iniziative sono iniziate e non sono state più portate a termine, senza risolvere quindi la situazione vigente. È evidente come da un punto di vista ambientalistico, nonostante le attività degli ultimi tempi, Barletta abbia ancora molto da fare e da migliorare per garantire la salute dell’ambiente e dei suoi cittadini.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorda: “Riscattare la batosta di Melfi”
Articolo successivoI riti storico – tradizionali della Settimana Santa a Barletta
Barbara Rita Corvasce
Barbara Corvasce è nata nel 1992. Ha conseguito la maturità socio-psico-pedagogica presso l'IISS "Scipione Staffa" nel 2010 con il massimo dei voti. Attualmente è laureanda in Cultura letteraria dell'età moderna e contemporanea; da Febbraio 2014 collabora come redattrice di cultura e attualità presso la testata telematica Barletta News e ha conseguito il titolo di Giornalista Pubblicista nel Giugno 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here