XIV edizione di Ecosistema Scuola: “Servono interventi di manutenzione urgenti”

Barletta è fuori dalla graduatoria nazionale

Oltre il 60% degli edifici scolastici italiani sono stati costruiti prima del 1974, data dell’entrata in vigore della normativa antisismica. Pertanto il 37,6% delle scuole necessità di interventi di manutenzione urgente, il 40% sono prive del certificato di agibilità, il 38,4% si trova in aree a rischio sismico e il 60% non ha il certificato di prevenzione incendi: Da non crederci. Sul fronte degli interventi e della messa in sicurezza l’edilizia scolastica italiana continua ad essere in uno stato di permanente emergenza.

Nessun edificio tuttavia risulta edificato secondo i criteri della bioedilizia, solo il 5,6% con criteri antisismici. Questo è quanto emerge da ECOSISTEMA SCUOLA 2013, il rapporto annuale di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado di 94 capoluoghi di provincia. Barletta, purtroppo, è fuori dalla graduatoria nazionale di Ecosistema Scuola, mentre Lecce (27esimo posto), Bari (73) e Foggia (77) sono le uniche città pugliesi a farne parte.
Solo il 17,8% degli edifici scolastici italiani risulta in possesso del CERTIFICATO DI AGIBILITÀ, a fronte del 61,2% della media nazionale, il 35,2% del CERTIFICATO DI COLLAUDO STATICO, contro il 52,4%, sotto la media anche gli edifici con impianti elettrici a norma con il 53,8%, contro l’83,4%. Superiori alla media i dati relativi alla CERTIFICAZIONE IGIENICO-SANITARIA (83,6%) e di PREVENZIONE INCENDI (53,9%). Fortunatamente il servizio di SCUOLABUS è garantito al 55,7% degli edifici, contro una media nazionale del 30%. Assolutamente carente invece il PEDIBUS, a disposizione dello 0,5% degli edifici, due punti sotto la media gli edifici con piste ciclabili nelle aree antistanti con il 10,8%.

Preoccupanti i dati sulle MENSE SCOLASTICHE: pari al 40% la media di prodotti biologici nei pasti, nessuna mensa dispone di cucina interna, nel 46,6% viene distribuita acqua di rubinetto. Unico dato sopra la media ma certamente non positivo è quello relativo al 100% di mense che utilizzano piatti in carta o plastica usa e getta. Positivi invece i dati della RACCOLTA DIFFERENZIATA per quanto riguarda plastica, vetro, pile, carta, toner e cartucce per stampanti, differenziati nel 90,9% degli edifici, negativi quelli relativi ad alluminio e organico, fermi al 14,5%. Tali dati sono riferiti ai soli Comuni di Bari e Lecce visto che Foggia non ha inviato dati in merito.
Anche sul fronte delle RINNOVABILI i risultati sono positivi: a Foggia e Lecce il 59,1% degli edifici utilizza fonti rinnovabili. Tra questi edifici il 94,5% ha impianti solari fotovoltaici, il 5,5% impianti solari termici. Rispetto ai monitoraggi ambientali (effettuati solo a Lecce) per verificare la presenza di AMIANTO e di RADON negli edifici scolastici é stata rilevata una scarsa sensibilità.

«La fotografia scattata da Ecosistema Scuola 2013 – ha dichiarato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – mette in evidenza come bisogna investire ancora molto nella qualità dell’edilizia scolastica a partire dagli interventi di manutenzione urgenti».

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCgil Bat, Antonucci: “Buon lavoro al nuovo Prefetto”
Articolo successivoEsibizione del Coro Polifonico “Il Gabbiano” su TV2000
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here