What’s UP? I film in uscita al cinema dal 31 maggio (parte 2)

film in uscita

Arriva al cinema “Lazzaro Felice”, il film italiano che ha stupito Cannes assieme a “Dogman” di Matteo Garrone. Tra gli altri film in uscita in sala, segnaliamo il thriller “The strangers 2” e il ritorno dello sceneggiatore di Dawson’s Creek al film per ragazzi, stavolta da regista. Nella prima parte, che trovate cliccando qui, vi abbiamo invece parlato di due grandi produzioni estere come “End of justice” e “La truffa dei Logan”. Buona visione!

Lazzaro felice   (31 maggio)    primo film in uscita al cinema

Dal naturalismo della piccola provincia calabrese in Corpo celeste, passando per i silenzi della crescita nella campagna umbra in Le meraviglie, sembra essere ancora l’austerità a tratti bucolica, assieme al bisogno di trovare un posto e una propria consapevolezza nel mondo, l’iter seguito dalle storie dirette e sceneggiate da Alice Rohrwacher. La regista toscana ci racconta così i dilemmi del giovane agricoltore Lazzaro, in quella morbida sospensione dell’immagine sui volti cui ci ha abituati, sempre in bilico tra mistico e realistico. Lazzaro, un ragazzo ingenuo e buono di cuore, coltiva una profonda amicizia con il coetaneo Tancredi, giovane di diversa estrazione sociale e figlio di una marchesa che tiene in pugno il loro villaggio di nascita, ancora fondato su una sorta di spietata mezzadria. Tancredi gli chiederà, un giorno, di aiutarlo ad organizzare il suo rapimento, spingendolo a mettere il naso fuori dalla sua piccola comunità contadina. Nel cast troviamo Adriano Tardioli, qui protagonista, affiancato dalla brava Alba Rohrwacher, sorella della regista, e da Nicoletta Braschi. Presenti anche Sergì Lopez, già visto in Perfect day di Fernando León de Aranoa, Tommaso Ragno e Luca Chikovani. Il film ha vinto il premio per la miglior sceneggiatura all’ultimo Festival di Cannes.

Prigioniero della mia libertà   (31 maggio)    secondo film in uscita al cinema

Distribuito al cinema con due anni di ritardo, Prigioniero della mia libertà è un film che parla dell’irrisarcibilità dell’errore giudiziario, delle macchie indelebili e imperitura di una colpa attribuita a un uomo dopo un processo sommario. Questo è ciò che accade ad Alejandro Torres, un giovane architetto. Coinvolto in un affare da una sua vecchia conoscenza ai tempi della scuola, Osvaldo, Alejandro si accorgerà di essere caduto a piedi uniti in una grave truffa ordita ai suoi danni. Proverà in tutti i modi a ribellarvisi, ma Osvaldo finirà per querelarlo. Il PM che si occuperà del caso deciderà, con sufficienza ed estrema superficialità, ed anche grazie alla distrazione del GIP, di applicare una sanzione detentiva ad Alejandro, che finirà per scontare un mese di carcere. Riassaporata la libertà, Alejandro avverte attorno a sé il dubbio e le difficoltà del risanare la propria reputazione di uomo e professionista esemplare, attendendo con impazienza il processo che lo opporrà proprio ad Osvaldo, nell’attesa della restituzione di una dignità che ha forse perso per sempre. Nel cast l’attore spagnolo Jordi Molla, Giancarlo Giannini, Martina Stella, Lina Sastri, Marco Leonardi, Antonella Ponziani, e lo stesso regista Errico, nei panni di Osvaldo.

Resina   (31 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Il film di Renzo Carbonera, ambientato in un piccolo e imprecisato paesino delle Alpi, riprende al cinema la storia del coro polifonico di Ruda, cittadina friulano di appena duemila anime, a metà strada tra Udine e Trieste. La protagonista è Maria (Maria Roveran), talentuosa violoncellista che torna al suo paese natale per fuggire dalla sua passione per la musica, una passione che non fa che regalarle delusioni. Qui entra in contatto con le sue origini e con una lingua dimenticata come il cimbro, ceppo linguistico tedesco ancora diffuso in piccole comunità dislocate tra il Veneto e il Trentino. L’incontro con il coro maschile locale, composto da coristi improvvisati e privi di cultura canora, e con Quirino, un inguaribile sognatore, la spinge ad imbarcarsi in un’impresa quasi impossibile: restituire lustro al coro della cittadina, provando a colmare con la sua forza gli evidenti limiti dei suoi componenti. Nella storia trova posto anche la necessità di adattarsi ai cambiamenti climatici, per un mondo in continuo divenire che spinge i personaggi a dover sempre interrogarsi sulla direzione intrapresa. Nel cast Thierry Toscan, Alessandro Averone e Andrea Pennacchi.

The strangers 2: Prey at night   (31 maggio)    quarto film in uscita al cinema 

Cos’ha da offrire di nuovo un film come The strangers? La storyline originale del lungometraggio diretto nel 2008 da Bryan Bertino, che disorientava la spettatore con toni mutuati dall’Haneke di Funny Games, e che nulla aveva della potenziale e distopica serialità di un titolo come La notte del giudizio o dei ritmi da puro slasher di You’re next, non offriva, perlomeno in linea teorica, margini per un sequel. Vi sorprenderà invece sapere che l’idea di un seguito frullava nella menti dei produttori della Aviron Pictures già da un decennio, e che è Johannes Roberts a portare la sua firma in questo thriller dal ritmo serrato e dalla tensione palpabile, lavorando su una sceneggiatura partorita proprio da Bertino. Evidenti sono inoltre le influenze, a livello concettuale (lo sviluppo segue una linea completamente diversa, dall’uso della mdp alla presenza esplicita degli psicopatici invasori) del film francese Them, piccola chicca diretta da David Moreau. In The strangers 2 tutto ha inizio da un innocuo e piacevole viaggetto famigliare in camper, con Mike e Cindy accompagnati dai loro due figli adolescenti, Luke e Kinsey. L’occasione per stare insieme si trasformerà in un incubo quando i quattro si renderanno conto di essere perseguitati da tre sconosciuti mascherati. Nei panni di Mike troviamo Martin Henderson, lo sfortunato Noah di The ring di Gore Verbinski e new entry nella grande famiglia di “Grey’s anatomy”, mentre c’è Christina Hendriks in quelli di Cindy. Spazio anche per il figlio di Bill Pullman (per intenderci, il Presidente degli Stati Uniti in Indipendence day e il papà di Cristina Ricci in Casper), Lewis Pullman, e per la bravissima Bailee Madison, protagonista al fianco di Katie Holmes e Guy Pearce nel thriller Don’t Be Afraid of the Dark, sceneggiato da Guillermo Del Toro. Curioso sarà vedere Roberts alle prese con questo progetto, visto che nella sua carriera – ha diretto l’horror spiritico e soprannaturale The other side of the door e il piacevolissimo shark movie 47 metri – nel mondo del brivido non ha mai toccato le sponde dell’home invasion thriller. Sembra, peraltro, che i toni di The strangers rievochino per lo più la tensione palpabile, ma che sfociava in ben altre paure, del suo esordio in Storage 24, film passato, purtroppo, un po’ in sordina in Italia.

Tuo, Simon   (31 maggio)    quinto film in uscita al cinema

Se il nome di Greg Berlanti non vi dice nulla, allora non vi siete mai lasciati trasportare nelle sognanti atmosfere montane di “Everwood”, serie televisiva ambientata in Colorado, partorita proprio dalla penna dello sceneggiatore. Berlanti, che ha anche contribuito alla scrittura del teen drama americano per eccellenza, Dawson’s Creek, si è di recente, nella sua attività per i serial tv, al redditizio filone supereroistico, contribuendo alla creazione di serie come “Arrow” o “The Flash”. Berlanti torna così a sfruttare il suo vero talento, quello per la narrazione adolescenziale, in una storia in cui potrebbe aver trovato posto una piccola dose di dato biografico. Protagonista è Simon, un diciassettenne omosessuale che fatica a trovare l’amore, oltre che a dichiarare apertamente una diversità che lo confina ai margini della sua stessa vita. Costretto a nascondersi e a cercare nelle chat l’inizio di una relazione, compie l’errore di inviare un messaggio alla persona sbagliata, scatenando le cattive attenzioni dei bulli della sua classe. Martin, in particolare, lo incastra convincendolo ad aiutarlo a conquistare la bella Abby, pena la rivelazione del segreto sul suo orientamento sessuale. Nel cast Nick Robinson, Jennifer Garner, Josh Duhamel, Alexandra Shipp, Miles Heizer, Logan Miller e Keynan Lonsdale.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta si conferma per il secondo anno consecutivo Città che legge
Articolo successivoColdiretti Puglia, mandorle in cima al Top Tep Superfood: Boom nei mercati
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here