What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 12 al 15 giugno

Anticipazione di settimana cinematografica, con il nuovo documentario di Gandini e il ritorno in sala di Tom Hanks dopo “The circle”. Buona visione da What’s UP!

Chirurgo ribelle   (12 giugno)

Erick Gandini si conferma una sorta di filosofo del cambiamento e della gente del Nord Europa, sempre attento a dinamiche sottili come il rapporto tra inserimento sociale e welness. Questa volta, la critica al sistema e al modello di vita nordico si percepisce nell’incipit, in quell’abbandono che è scelta di vita per il chirurgo svedese Erik Erichsen. L’uomo va via dal suo paese con sua moglia, per sposarne uno completamente diverso: l’Etiopia. Ad Aira, Erichsen si confronta non solo con un modello sanitario ben lontano da quello di provenienza (qui i medici sono 3 ogni 100000 abitanti) ma con uno stile di vita che lo costringe a riscoprire un livello diverso della sua professione. Adoperarsi per salvare la vita della gente non è mai stato così difficile. Non è forse questo documentario a rappresentare in pieno lo stile espressivo di Gandini, ma come non premiare con una visione un regista che si pone in netta controtendenza rispetto a fenomeni e credenze precostituite, come ha già mostrato di saper fare in Videocracy e La teoria svedese dell’amore?

Aspettando il re   (15 giugno)

Curioso il rapporto tra Tom Hanks e il concetto di attesa: The terminal e Cast Away sembrano essere due capitoli in qualche modo connessi a questo A Hologram for the King, film tratto dal romanzo di Dave Eggers. Il paragone non è affatto casuale: chi meglio di Tom Tykwer possiede la sensibilità per mettere in relazione questo tema, quello del tempo che passa e della percezione che cambia, con un linguaggio cinematografico sognante e profondamente emotivo? Il regista che ha collaborato con le sorelle Wachowski in Cloud Atlas (e che torna quindi a dirigere Tom Hanks) e nella serie tv Sense 8, aveva già dimostrato una particolarissima sensitività, in verità sin dal poco apprezzato Profumo-storia di un assassino. La storia vede Alan Clay (Hanks), cinquantenne rappresentante commerciale per una società di ricerca informatica, giungere in un luogo desertico dell’Arabia Saudita. Il suo obiettivo è presentare un ambizioso sistema di comunicazione olografico al sovrano locale, in un progetto più ampio che coinvolge anche la costruzione di una città ultramoderna in loco. Ma al suo arrivo Alan si rende conto non solo dell’assenza del sovrano, ma dell’arretratezza dello stato dei lavori. Costretto a rimanere lì, in attesa in una specie di limbo desertico, viene gradualmente a contatto con la realtà di quel mondo così lontano da lui. Grazie ancha a Zahra (Sarita Choudhury), inizierà ad avvertire un legame con quella terra nuda, così spoglia di orpelli al punto da aiutarlo a far luce su se stesso. Nel cast anche Sidse Babett Knudsen (Westworld).

Corniche Kennedy   (15 giugno)

Amore e condizione sociale, nel film della regista francese Dominique Cabrera. Il lungometraggio, tratto da un romanzo di Maylis de Kerangal, narra della parete divisoria ideale tra ragazzi e ragazze appartenenti a mondi e ceti diversi. Quel velo apparente si rompe nel momento in cui, in estate, un gruppo di adolescenti delle povere banlieu marsigliesi si diverte, tuffandosi dalle scogliere della corniche Kennedy, proprio davanti agli occhi di due osservatrici: la prima è la giovane borghese Suzanne, interpretata da Lola Creton (la stessa del sottovalutato Un amore di gioventù, di Mia Hansen-Løve), mentre la seconda è una poliziotta, dedita ad un’indagine sul traffico di droga, che coinvolge una banda proveniente dallo stesso quartiere dei ragazzi. Un plauso alla qualità della fotografia, di buonissimo livello dalle prime immagini che filtrano in rete, firmata dalla direttrice della fotografia Isabelle Razavet (la stessa di L’effetto acquatico).

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’ex Cantina Sperimentale tra inutili parole e nessun futuro
Articolo successivoPsychosynthesis: the path to fulfillment and the balance paradigm for a better life
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here