What’s UP? I film in uscita al cinema… dal primo maggio (parte 1)

film in uscita

A tre film stranieri molto interessanti, si contrappone il nuovo titolo di Ivan Silvestrini, sul quale nutriamo più di un dubbio. I film in uscita al cinema di What’s UP ci regalano, soprattutto, il ritorno alla regia di un vero artista come Wes Anderson. Buona visione!

A beautiful day   (1 maggio)    primo film in uscita al cinema

La regista Lynne Ramsay insiste sul tema della protezione genitoriale, ma passa dalla sua definizione di mezzo di riconoscimento sociale, inscenata in un buon titolo come E ora parliamo di Kevin, ad un bisogno più primitivo. Qui il debole dona al più forte gli strumenti per sentirsi ancora in vita, per avvertire il sangue continuare a scorrere nelle proprie vene. Joacquin Phoenix torna ad interpretare un ultimo, ma qui sono il dolore e la disperazione ad aver trasformato l’uomo in relitto. Vittima sacrificale di un sistema che lo ha visto impegnato in sanguinose guerre, Joe si è lasciato alle spalle la carriera nell’FBI e le missioni come marine. Si dedica adesso alla madre, gravemente malata, annegando spesso in pensieri drammatici e tormentosi, per un trauma, quello bellico, che non cessa di perseguitarlo. Unica via d’uscita è rappresentata dal suo impegno per sconfiggere il traffico di giovanissime ragazze che alimenta la prostituzione minorile, un impegno che potrebbe costargli la vita. La sua esistenza incrocerà però quella di Nina, figlia di un potente uomo newyorkese, e vittima dello stesso squallido giro che Joe cerca di sconfiggere. Joe verrà a contatto con un sistema animato da uomini senza cuore, appartenenti alle alte sfere della società americana. Joe non ha nulla da perdere, e qualcuno ne farà le spese. Nel cast, accanto al grande attore statunitense, Alessandro Nivola, John Doman e la piccola Ekaterina Samsonov. Al loro fianco, segnaliamo la sempre ottima Judith Roberts, qui nei panni della madre del protagonista.

Arrivano i prof   (1 maggio)    secondo film in uscita al cinema

È proprio il caso di sottolineare quanto sia netto il cambio di registro di Ivan Silvestrini, passato dalle riflessioni sentimentali di 2night e dal survival thriller d’ispirazione americana Monolith ad una canonica commedia nostrana, che cavalca l’attuale florilegio di trame e sceneggiature che ruotano attorno al sistema scolastico, non solo nostrano. Si pensi a Fuck you, prof!, film diretto dal turco-tedesco Bora Dağtekin. In Arrivano i prof, i risultati incredibilmente deludenti degli scrutini del quinto anno in tutto l’istituto, pongono il Liceo Manzoni davanti al “disonore” delle cronache. La percentuale dei diplomati si attesta, infatti, sul 12% della popolazione scolastica, e il preside pensa che solo un tentativo folle ed estremo possa risollevare questa imbarazzante media. Laddove nemmeno i più prestigiosi professori sono riusciti nell’impresa, il Preside (interpretato da Andrea Pennacchi) decide di affidare le sorti dell’istituto agli insegnanti peggiori sulla piazza. L’assurda trovata sortirà l’effetto sperato? Nel cast troviamo Claudio Bisio, Maria DiBiase, Lino Guanciale Pietro Ragusa e Maurizio Nichetti. Presente anche il rapper napoletano Rocco Hunt, che ha composto una canzone originale per il lungometraggio.

Game night – indovina chi muore stasera   (1 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Frizzanti, umoristicamente freschi e audaci, incisivi: questi gli aggettivi che sovvengono alla nostra mente quando parliamo della “nuova” coppia d’oro hollywoodiana, composta da John Francis Daley e Jonathan Goldstein. In verità non si tratta esattamente di due novellini, già segnalatisi entrambi con interessanti spunti comici in sceneggiature come quelle di Come ammazzare il capo e vivere felici e dell’indovinatissimo Spiderman: Homecoming. La regia può dirsi forse il loro punto debole, con Game night che rappresenta un rilevante banco di prova. Al loro fianco, per un esperimento in cui diverse personalità danno vita ad una divertita e (almeno nelle intenzioni) concertata commedia corale, c’è Jason Bateman, loro storico partner proprio dai tempi in cui il duo si dedicava alle sole sceneggiature. Protagonisti indiscussi sono tre personaggi: Annie, Max, Brooks. Annie, interpretata da Rachel McAdams, è la moglie di Max. I due coniugi amano dar vita a stuzzicanti giochi di società in compagnia di alcuni amici, e proprio Brooks, fratello di Max, li coinvolge una sera in un gioco dai risvolti inaspettati. Nel corso della “cena con delitto”, la rivalità mai sopitasi tra Brooks e Max, che ha sempre percepito con enorme fastidio il talento del fratello maggiore anche nel gioco, si riaccenderà coinvolgendo gli altri partecipanti in un gioco in cui nulla è come sembra. Nel cast di quella che pare un’arguta rivisitazione in chiave Christie delle commedie americane sulla competizione famigliare, i due fratelli sono interpretati da Jason Bateman e Kyle Chandler. L’odor di delitto è confermato anche dalla presenza di Michael C. Haal, storico interprete di Dexter, protagonista dell’omonima serie televisiva, accanto ai bravissimi Danny Huston e Jesse Plemons. Grande qualità sul versante sonoro, con le musiche affidate al compositore Cliff Martinez, storico collaboratore di Nicolas Winding Refn e Steven Soderbergh.

L’isola dei cani   (1 maggio)    quarto film in uscita al cinema

Alzi la mano chi non attendeva spasmodicamente di rivedere Wes Anderson all’opera in un lungometraggio d’animazione, dopo lo sfolgorante exploit di Fantastic Mr. Fox, film ancora troppo poco citato, quando si parla, spesso sottovalutando il fenomeno, di nuove correnti nell’animazione occidentale. Sagace e intelligente, l’autore è riuscito nell’impresa di non travalicare i ristretti confini del pubblico di riferimento, offrendo un reticolato di spunti didattici e di crescita di cui è priva, al contrario, altra parte del suo fantasioso cinema, pur non rinunciando al trionfo stilistico e alla sottigliezza verbale. Il Willy Wonka del cinema mondiale torna dietro la mdp con una trama che prende le mosse in un ipotetico anno 2037. Il randagismo e l’improvviso e rapido sviluppo della cosiddetta influenza canina hanno indotto le autorità del Sol Levante a trasportare tutti gli esemplari canini di Megasaki su di un’isola solitaria. È proprio verso l’isola dei cani che si dirige, a bordo di un aeroplano, Atari Kobayashi, ragazzino sulle tracce del suo cane scomparso, Spots. Una banda di cani, capitanata da Capo, si occupa dell’accoglienza, decidendo di proteggerlo. Grande parata di star per il doppiaggio originale, con Bryan Cranston che si alterna a Bill Murray, a Jeff Goldblum, Edward Norton, Scarlett Johansson e Tilda Swinton.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteSottovia tra via Einaudi e via Giovanni XXIII, domani l’apertura
Articolo successivo
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here