What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 17 maggio (parte 2)

film in uscita

La settimana di What’s UP si chiude con sei film in uscita al cinema, oltre ai quali si segnala il nuovo incantevole viaggio subacqueo di Jean-Michel Cousteau e Mantello, per un documentario sul fascino del mondo marino che vede la partecipazione, come voce narrante, di Arnold Schwarzennegger, qui anche produttore. Buona visione!

Abracadabra  (17 maggio)    primo film in uscita al cinema

Pablo Berger e la sua follia visionaria dipingono, in Abracadabra come in Blancaneves, sfumature iberiche che sembrano tratte dal realismo magico latinoamericano. Così il fantasy, anche se in quest’ultimo lungometraggio si entra più nel “paradossale” e si abbandonano le convergenze favolistiche, si mescola al dramma del quotidiano. Protagonista è la bella e brava Maribel Verdù, nei panni di Carmen. La donna, moglie di un marito, Carlos, preda di atteggiamenti sempre al limite della decenza, afflitto da una vera e propria patologia che lo lega al tifo del Real Madrid, è letteralmente disperata. Quando Carlos si sottoporrà a un giocoso esperimento d’ipnosi durante il matrimonio di un cugino di sua moglie, qualcosa cambierà… Antonio de la Torre, che ci ha letteralmente stupiti in La vendetta di un uomo tranquillo, è Carlos, mentre nel resto del cast compaiono Quim Gutierrez, Josè Marìa Pou e Josè Mota.

Dogman   (17 maggio)    secondo film in uscita al cinema

È nota la capacità di Matteo Garrone di partorire storie senza violarle nella loro luccicante intimità, non intervenendo sulla materia per farne gioco della tecnica. Una costante, questa, che ha accompagnato buona parte del suo cinema e che in Dogman trova ennesima conferma. Ricorda tanto, per genetica filmica, L’imbalsamatore questo suo ultimo film, con uomini e personaggi costretti a misurarsi con forti condizionamenti ambientali, con la seduttività del sopruso e della violenza. Protagonista è Marcello, proprietario di una modesta attività di toelettatura per cani, sempre più invischiato, come in una spirale, nel gioco criminoso condotto dal terribile Simoncino, irascibile e imprevedibile delinquente locale. Dopo aver toccato il fondo con il coinvolgimento in alcune rapine, e aver perso non solo la propria reputazione ma anche la possibilità di stare accanto a sua figlia, arriverà per Marcello l’ora della presa di coscienza? Nel cast di Garrone, che torna a Cannes, dove ha conquistato il Gran Prix della Giuria in ben due occasioni, troviamo Francesca Acquaroli, il villain Edoardo Pesce, Adamo Dionisi e Nunzia Schiano. Marcello ha invece il volto di Marcello Fonte, già visto nel contesto di un’Italia periferica e dimenticata in L’intrusa.

Famiglia allargata   (17 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Gioca sull’epifania dell’uomo comune e sulla riscoperta del suo ruolo di pater familias, questo Famiglia allargata, commedia francese non molto originale, diretta da Emmanuel Gillibert. La trama ruota attorno ad Antoine, classico quarantenne single e impenitente nella città dell’amore, Parigi. La vita di Antoine scorre seguendo sempre e solo i binari del divertimento, senza la benché minima responsabilità. Così l’uomo si dedica a serate spensierate con compagne di una notte, assieme al suo coinquilino Thomas, con cui divide un appartamento. Quando Thomas deciderà di partire per l’estero, il destino avrà in serbo per Antoine una brutta sorpresa. A prendere il posto dell’amico e partner d’avventure sarà una giovane donna, madre di due figli piccoli, naturalmente al suo seguito. La situazione getterà l’esistenza sregolata di Antoine in uno scompiglio ancora maggiore, e lo vedrà costretto ad assumere, pian piano, il ruolo di padre surrogato. Ma è davvero in grado di farlo? Nel cast Michaël Cohen, Louise Bourgoin, il protagonista Arnaud Ducret e i piccoli Saskia de Melo Dillais e Timéo Bolland.

Giù le mani dalle nostre figlie   (17 maggio)    quarto film in uscita al cinema

Di certo Kay Cannon sa, anche se il suo cinema non ha mai sfruttato il fascino espressivo e le piene potenzialità del cast corale, come giostrare e gestire i tempi cinematografici, come già dimostrato con la sceneggiatura di due dei tre capitoli di Pitch Perfect. Una capacità, questa, che potrebbe tornarle decisamente utile in questo suo (forse un po’ tardivo) debutto alla regia. Giù le mani dalle nostre figlie è una classica commedia a stelle e strisce, con una banda di genitori disposti a tutto pur di scongiurare il rischio che le proprie figlie si concedano durante il ballo di fine anno. Nel cast segnaliamo la presenza di Leslie Mann, la donna dai mille volti della commedia americana recente, accanto al wrestler e attore John Cena e a Ike Barinholtz. Gli adolescenti avranno invece i volti di Ramona Young, Graham Phillips, Kathryn Newton e Jake Picking.

Il codice del babbuino   (17 maggio)    quinto film in uscita al cinema

Opera a quattro mani per la coppia composta da Denis Malagnino e Davide Alfonsi, che torna sui temi de La rieducazione, film disponibile gratuitamente su Youtube e girato a bassissimo budget, sceneggiato dai registi in questione. Nel loro linguaggio, sempre teso e secco, privo di ghirigori e retrogusti dolciastri, disperazione è voce del verbo vivere, in un’Italia che, prima ancora di non lasciare spazio ai sogni, nega il respiro agli ultimi e a chi si sente costretto a sporcarsi le mani pur di ottenere giustizia. Se a cambiare è l’asse centrale della vicenda, che passa dal mondo del lavoro all’omicidio e alla ricerca di un colpevole, non muta la cupezza di un sottobosco di sguardi distratti rispetto alle problematiche del singolo. Ecco che Tiberio, dopo il rinvenimento del cadavere della sua fidanzata da parte dell’amico Denis (interpretato dal regista Malagnino), si metterà sulle tracce dell’assassino. Le sue ricerche e la sua sete di vendetta saranno subito indirizzate verso il locale campo rom. Ma è davvero quella la verità, o Tiberio, accecato dal rancore e dal pregiudizio, sta commettendo un tragico errore? Nel cast Tiberio Suma, Marco Pocetta, Fabio Sperandio, Cristina Morar, Alessandra Ronzoni e Stefano Miconi Proietti.

Parigi a piedi nudi   (17 maggio)    sesto film in uscita al cinema

Sempre in coppia il belga Dominique Abel e l’australiana Fiona Gordon, con la particolarità di un cinema che già in Rumba si poneva in totale rottura con i titoli contemporanei. Quello dei due registi è un tentativo continuo di riportare in auge lo spirito privo di plasticità e rigide schematizzazioni, proprio della comicità muta di maestri come Buster Keaton e Ben Turpin. Questo approccio appiattisce il ruolo del contesto nella scena, elevando l’attore a depositario ed agente di uno scambio biunivoco con lo spettatore attuato attraverso la mimica, peculiarità difficilmente rinvenibile in altri registi moderni. Il personaggio principale ha il nome di Fiona (la stessa Fiona Gordon), donna che si lancia in un’avventura parigina alla ricerca dell’anziana zia smarritasi, di cui non si hanno più notizie. L’anziana parente (interpretata dall’immensa Emmanuelle Riva), che ha scritto tempo addietro una lettera alla nipote chiedendo il suo aiuto per sfuggire alle grinfie di chi vuole confinarla in un ospizio, è un po’ il perno narrativo del film, casus che mette in moto una serie di avvenimenti che coinvolgono anche Dom (Dominique Abel), un accattone parigino invaghitosi alla follia di Fiona, al punto di seguirla goffamente nelle sue peripezie alla ricerca della zia. Nel cast è presente anche un grande “anziano” del cinema francese, quel Pierre Richard che abbiamo visto di recente destreggiarsi nella commedia tecnologica Un profilo per due.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoalizione Civica per Barletta, tutte le liste e i candidati
Articolo successivo“Meno Male che c’è il Mare”, sarà presentato a Polignano a Mare il film girato tra Bari e Barletta
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here