What’s UP? I film in uscita al cinema dal 10 maggio (parte 2)

film in uscita

Il terzo segreto di satira” e Frank Matano ripercorrono la strada che dal web porta al grande schermo, mentre “Show dogs” si inserisce nel novero di quelle commedie per la famiglia che giocano con gli amici animali. Buona visione, con i film in uscita al cinema di What’s UP

Le grida del silenzio   (10 maggio)    primo film in uscita al cinema

Le grida del silenzio, opera prima della regista Alessandra Carlesi, sfrutta i luoghi tipici del film del terrore occidentale, tramutando le fronde in coordinate sconosciute, dove l’identità può lasciarsi distruttivamente dissolvere. Non è un caso che la selva divenga così un locus dell’indefinibile, che terrorizzi proprio per la spersonalizzazione che opera in chi vi si addentra, ignaro del pericolo. È proprio la natura di questo elemento a fornire alla sceneggiatura della Carlesi, qui anche attrice, la destinazione di un viaggio in cui storie diverse si intersecano. Sette sono i ragazzi protagonisti del film, alle prese con una verità che può rivelarsi solo gettando lo sguardo oltre le apparenze. Accomunati da un viaggio in un minivan, i personaggi viaggeranno verso un lago, un posto sinistro e immerso in un silenzio agghiacciante. Nel cast Alice Bellagamba, Manuela Zero, Luca Avallone, Roberto Calabrese, Luca Molinari, Lucia Batassa e Martina Carletti.

Show dogs   (10 maggio)    secondo film in uscita al cinema

Ancora una “coraggiosa” scelta in sede di doppiaggio, con personaggi del nostro mondo dello spettacolo che reinterpretano le voci originali, donando un tocco di originalità – qui repetita iuvant – ad un lungometraggio che non ha forse molto da offrire. Parliamo di Show dogs di Raja Gosnell. Sì, avete capito bene: si tratta del regista di Mai stata baciata con Drew Barrymore, partner di Chris Columbus nei due episodi di Mamma, ho perso l’aereo. Gosnell, pochi anni dopo, decise di scimmiottare Columbus con una specie di film per famiglie dal titolo Mamma, ho preso il morbillo, ma questa è un’altra storia. Con Gosnell, che non è nuovo al genere, torna in auge il genere degli animali parlanti, ravvivato con discreta efficacia dal film d’animazione Pets. Protagonista del film è un cane ispettore, dal nome Max. Il cane lavora per l’FBI, e il suo partner umano, di nome Frank, interpretato da Will Arnett (un habitué del genere, se pensiamo ai graziosi e audaci porcellini d’india di G-Force), gli sarà a supporto in un’indagine molto delicata. I due dovranno recuperare un cucciolo di panda venduto ad un concorso canino e, per farlo, Max fingerà di partecipare alla competizione. Le voci italiane, a partire da quella di Giampaolo Morelli (Max), sono quelle di Claudio Amendola, Barbara D’Urso, Carolina Crescentini, Ale e Franz, Cristiano Malgioglio, Chiara Francini, Marco Bocci, Giacomo Ferrara e Michela Andreozzi.

Si muore tutti democristiani   (10 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Perché Si muore tutti democristiani può essere un interessante manifesto del nostro tempo, al di là dell’efficacia della realizzazione finale? Vi elenchiamo quattro buoni motivi. Innanzitutto il tema di una moralità compromessa da scelte di vita, un contrasto tra le esigenze lavorative e le urla della coscienza che segna un ritratto spietato della situazione occupazionale italiana. In secondo luogo, un riferimento politico non trascurabile, in un periodo in cui l’incertezza sociale si tramuta nell’incapacità programmatica di diverse generazioni dirigenziali. Poi la migrazione, specchio storico di un tempo ancora in divenire, ed infine la crisi del cinema, raccontata attraverso i dubbi di un giovane trio di videomaker alla ricerca di opportunità in un mercato sempre più arido. Perché potrebbe non essere tutto questo? Perché il taglio scelto da “Il terzo segreto di satira”, quintetto comico made in web e proveniente dal variopinto universo di Youtube, qui al suo esordio alla regia, sembra essere quello di una commedia priva della dovuta profondità di campo e soggetto, in cui personaggi di cartone si agitano in stereotipi stantii e prevedibili. La trama ruota attorno a Enrico, Fabrizio e Stefano, un trio politicamente di sinistra e mosso dai più nobili ideali. I protagonisti, assieme proprietari di una piccola casa di produzione, sognano di riprendere i fenomeni sociali mondiali in grandi documentari, ma si accontentano, per tirare avanti, anche di piccoli lavori, come i filmini per matrimoni. Quando il destino porrà alla loro attenzione un’offerta irrinunciabile, promossa dal facoltoso dirigente di una potente Onlus che si occupa di migranti, per i tre sembrerà concretizzarsi il sogno di una vita. Ben presto, però, verranno a conoscenza dei loschi traffici che la Onlus gestisce ai danni proprio di chi dovrebbe tutelare. Come reagiranno? Saranno disposti a rinunciare al definitivo salto di qualità nella loro carriera, in nome di quei principi che da sempre ne hanno contraddistinto l’operato? Nel cast vi sono Walter Leonardi, Massimiliano Loizzi, Marco Ripoldi, il comico Francesco Mandelli, Augusto Zucchi e Valentina Lodovini.

Tonno spiaggiato   (10 maggio)    quarto film in uscita al cinema

Dopo Checco Zalone e Fabio Rovazzi, è Frank Matano ad immergersi in questo non più inusuale rito di passaggio, che, se vogliamo proprio essere precisi, era già in voga all’epoca dei musicarelli. L’artista filma e fa sceneggiare i propri esordi, spesso con esiti spassosi e con un tocco di “equivoco” che non fa mai male. Matano, che collabora col regista Matteo Martinez dai tempi del programma televisivo “Le iene”, accompagna il primo film dell’amico e ormai fido collaboratore, in una storia che, ovviamente, ha al centro l’amore. Matano è Francesco, un ragazzo che sogna, passando da piccoli spettacoli di cabaret, di approdare alla comicità che conta. In uno di questi spettacoli, però, Francesco commette un errore imperdonabile, umiliando volontariamente Francesca, la sua ragazza, con una battuta infelice, con lo scopo di riscuotere qualche risata in più. Rimasto single, Francesco prova ad escogitare un piano per riconquistare Francesca, che prevede l’omicidio della simpaticissima e arzilla Zia Nanna, parente della sua ex ragazza. Nel cast Fabrizio Nevola, Niccolò Senni, Marika Costabile e Lucia Guzzardi, già in panni comici come splendida madre di Aldo Baglio in La leggenda di Al, John e Jack.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteAldo Musti: “Via dei Muratori, ovvero la variante ’79 che non c’è!”
Articolo successivo“Sensibile”,Intervista al regista Alessandro Quadretti
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here