What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 30 novembre (parte 2)

barlettanews- Smetto quando voglio 3 film in uscita

Uno dei massimi registi europei viventi fa da apri pista ad una serie di film in uscita dai toni variegati, che spaziano dal classico dramma alla sci-fi distopica. Ben sette i film presentati in questa seconda parte di What’s UP (trovate la prima cliccando qui), tra i quali segnaliamo anche il capitolo finale della saga tutta italiana “Smetto quando voglio”. Buona visione!

Happy end   (30 novembre)

Primo film in uscita al cinema… Il maestro del cinema austriaco, Michael Haneke, torna in sala con un ritratto della società alto-borghese. C’è spazio ancora per il suo approccio asciutto al ritaglio delle personalità, per quella parentesi di disagio sociale ed emotivo che si ripercuote come una lama sottile nei rapporti umani, creando fratture insanabili tra sguardi, battute al fulmicotone, e opinioni celate. Ovvio che rispetto alla vicenda singolare ma di assoluto significato di Amour il ventaglio di relazioni coperto in questo film coincida sostanzialmente con il proposito, un po’ didascalico, di catturare le crepe di una società spaccata alla radice, ancorata alle proprie ritualità circolari. Emergerà quindi l’impossibilità di sanare i rapporti attraverso i legami di sangue e i sentimenti, in netta e drammatica contrapposizione con quell’happy end cui il titolo allude. La storia vede protagonista George, interpretato da Jean Louis Trintignant (lo stesso attore protagonista di Amour, ma che ricorderete senz’altro anche in La terrazza). George non ha perso il suo smalto e i tratti peculiari del suo carattere arcigno, e a lui toccherà confrontarsi con il resto della famiglia, che comprende i figli Thomas (Mathieu Kassovitz) ed Anne (Isabelle Huppert). Pedina inattesa di questo domino famigliare che precede la distruzione sarà la tredicenne figlia di prime nozze di Thomas, che raggiungerà momentaneamente il padre in seguito al ricovero di sua madre. Nel cast anche Toby Jones e una vecchia conoscenza del cinema italiano: si tratta di Nabiha Akkari, interprete al fianco di Checco Zalone nel film di Nunziante Cado dalle nubi.

I love… Marco Ferreri   (30 novembre)

Secondo film in uscita al cinema… Impossibile non amare Marco Ferreri, il suo linguaggio, il suo sguardo disincantato su di noi e suo mondo, quel suo coraggio ironico e salato al tempo stesso. Il regista di film indimenticabili come La grande abbuffata, Dillinger è morto, o Non toccare la donna bianca è qui mostrato non solo nel suo lascito al cinema italiano degli ultimi decenni, ma anche nella sua capacità di trasformare in immagine i vizi e i tratti della società. Il regista di questo documentario, Pierfrancesco Campanella, si avvale di attori e addetti ai lavori che hanno conosciuto Ferreri (tra i quali Piera Degli Esposti e Michele Placido), e che possono, a distanza di venti anni dalla sua morte, ricostruire un talento puro e ingiustamente dimenticato della settima arte nostrana.  

L’età imperfetta   (30 novembre)

Terzo film in uscita al cinema… Camilla, adolescente italiana figlia di una donna dell’Est, è una ragazza decisa a seguire i suoi sogni: la sua massima ambizione è quella di entrare in un’accademia di danza classica, in cui dar prova del suo talento. La madre non percepisce però questo suo bisogno come un’esigenza primaria, e in questo conflittuale turbinio che è la crescita si inserisce prepotente la figura di Sara, ragazza diciottenne di buona famiglia, di un anno più grande di Camilla. Questo incontro, e un rapporto che tra le due si farà sempre più stretto, segnerà per sempre le scelte della protagonista. Nel cast Marina Occhionero, Paola Calliari (Moglie e marito) e Anita Kravos. Presente anche l’ex Miss Italia Anna Valle. Alla regia troviamo Ulisse Lendaro.

Riccardo va all’inferno   (30 novembre)

Quarto film in uscita al cinema… Roberta Torre sposa un linguaggio dichiaratamente allegorico, pur rinnovando quella che è una precisa connotazione stilistica: da Tano da morire, passando anche per Angela il tono è sempre quello amaro e teso a rappresentare le periferie italiane, anche se qui l’obiettivo passa ufficialmente da Palermo a Roma. Le vesti scelte sono ancora quelle del musical, esattamente come nel suo apprezzato esordio, ma qui a farne le “spese” è persino il Riccardo III di William Shakespeare. In questa colorita versione, i toni dark rischiano di dominare, venati di follia e visionarietà scenica, sul senso drammaturgico del leggendario autore inglese. La storia è quella che vede il Re Riccardo come un uomo profittevole, astuto, in una sorta di personificazione del male che ne modifica persino i connotati fisica, aprendo la strada alla deformità del corpo in risposta alla malattia dell’anima. Ad interpretarlo è il cantante e attore partenopeo Massimo Ranieri, affiancato da Michelangelo Dalisi, Silvia Calderoni, Ivan Franek e Sonia Bergamasco.

Sàmi blood   (30 novembre)

Quinto film in uscita al cinema… Ciò che la regista Amanda Kernell prova a raccontarci sono le difficoltà dell’integrazione e del superamento dei pregiudizi per una ragazza che si oppone a una cultura ottusa e solo all’apparenza progressista e scolarizzante. Siamo in Svezia e la giovanissima Elle Marja patisce sulla sua pelle la decisione di prendere una strada inaspettata: rifiutare la cultura chiusa propria delle genti lapponi, i cui costumi ed usanze si tramandano in rigida osservanza di un folklore antico, e bere dall’amaro calice di chi, con uno sguardo, le affibbia l’etichetta di “diversa”. Per liberarsi dal giogo di chi vuole imporle un’identità che non sente sua, e per fuggire dal giudizio di chi la disprezza per la sua etnia, Elle Marja urla nella sua ribellione la sua unica vera natura: se stessa. Nel cast Lene Cecilia Sparrok, Maj-Doris Rimpi e Olle Sarri.

Seven sisters   (30 novembre)

Sesto film in uscita al cinema… Noomi Rapace si sdoppia. Anzi, si divide in 7: non si tratta certo di un caso di personalità multipla, come in Split di M. Night Shyamalan, con James McAvoy, ma di 7 sorelle nate da un parto plurigemellare in un futuro in cui il controllo scientifico delle nascite ha ridotto i governi a veri censori della vita terrestre. L’imposizione adottata, affinché il pianeta possa rispondere alle esigenze di tutti nonostante la scarsità di risorse, è quella che per ogni nucleo famigliare vi sia al massimo un figlio. Le sorelle, cresciute nell’ombra e nella perenne angoscia di poter essere scovate, hanno quindi deciso di sfruttare a turno i giorni della settimana, mettendo il naso fuori dal loro rifugio una per volta, in un giorno prefissato, ma tutte sotto un’unica identità: quella di Karen Settman. Protette dal nonno, interpretato da Willem Dafoe, le sorelle vivono una vita in cattività, ma relativamente sicura. Tutto cambia quando una di loro, Lunedì, scompare nel nulla, costringendo le altre a rischiare il tutto per tutto pur di trovarla. Nel cast anche Jeppe Beck Laursen, Robert Wagner (apprezzato negli USA anche come star televisiva) e l’inossidabile Glenn Close. Alla regia troviamo il norvegese Tommy Wirkola, già autore del fantasy-horror Hansel & Gretel: cacciatori di streghe.

Smetto quando voglio 3: Ad Honorem   (30 novembre)

Settimo film in uscita al cinema… Come ogni cattivo che si rispetti, persino il perfido Er Murena di Smetto quando voglio, interpretato da un bravissimo Neri Marcorè, depone le armi contro i suoi nemici di sempre per compiere una buona azione. D’altronde adesso in giro c’è un supercattivo dal potenziale letale: parliamo di Walter Mercurio (Luigi Lo Cascio), che punta a compiere una strage terroristica con del gas nervino sintetizzato. Gli unici uomini che possono però arginare la minaccia sono… in carcere. Si tratta naturalmente di Pietro Zinni, Mattia, Arturo, Giorgio, Alberto, Andrea e Bartolomeo. Dovranno quindi provare a evadere per salvare la vita di molte persone. Nel cast tornano Edoardo Leo, Stefano Fresi, Paolo Calabresi, Libero De Rienzo e Pietro Sermonti. Alla regia sempre il salernitano Sidney Sibilia.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiunta, le delibere approvate nell’ultima seduta
Articolo successivoConsiglio Comunale: approvato il piano comunale di diritto allo studio
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here