What’s UP? I film in uscita al cinema… dall’1 al 3 gennaio (parte 1)

barlettanews- jumanji 2 film in uscita

Tre i film in uscita al cinema in questa prima parte settimanale di What’s UP, che inaugura anche le prime uscite sul grande schermo italiano nel nuovo anno. Al botteghino, atteso un calo naturale per l’ottavo episodio di “Star Wars”, mentre “Assassinio sull’Orient Express” si mantiene saldamente nelle prime posizioni, insidiate probabilmente, nelle prossime settimane, proprio dal nuovo capitolo di “Jumanji” o dai film in uscita di cui parleremo nella seconda parte della rubrica. Buona visione e buon anno da What’s UP!

Jumanji – Benvenuti nella giungla   (1 gennaio) primo film in uscita

Del film di Joe Johnston del 1995, che tanto ha appassionato per le sue dinamiche, illustrate dallo scrittore Chris Van Allsburg, in questo Benvenuti nella giungla rimane poco o niente. Il prodotto, teso chiaramente a sfruttare le logiche del gioco da tavolo più “coinvolgente” e realistico di sempre, intende ricostruire un humus comico che faccia da terreno fertile per gli interpreti, in una sorta di set gigantesco, esasperato dall’utilizzo del green screen. Protagonista non è più “Jumanji”, e le minacce ad esso sottese, ma lo spirito comico di Jack Black e quello di un sempre più a suo agio Dwayne Johnson, alias “The Rock”, una sorta di muscoloso carrozzone in itinere, un trasformista, nella sua umanità velata dalla corta coperta del personaggio, uomo che più di ogni altro è forse degno di rappresentare il sistema dello show americano odierno nel suo rapporto con i media. Raggiante nel suo sorriso pieno e accattivante, col viso solcato da rughe che sembrano recitare al suo posto, The Rock trova in Black una spalla comica dall’esperienza non indifferente, anche se forse non proprio al punto più alto della sua parabola artistica: una sola volta, al comico cresciuto sotto l’ala di Tim Robbins, è stata concessa l’opportunità di dismettere i propri panni e di avventurarsi in altre latitudini, guarda caso proprio in una giungla. Parliamo ovviamente proprio del King Kong di Peter Jackson (2005), per un ruolo drammatico che non ha trovato manforte nelle successive interpretazioni del simpatico attore. La conferma di quanto il film sia costruito sugli attori, più che sul concept ereditato dal’opera illustrata di Van Allsburg, sta nella presenza di Kevin Hart, che ricorderete al fianco proprio di Johnson in Una spia e mezzo, oltre che come protagonista del buddy movie Poliziotto in prova. La trama abbandona definitivamente la forma originaria di Jumanji, trasferendo i suoi poteri in un videogioco anni ’90, che quattro incauti liceali finiranno per riesumare e giocare a loro rischio e pericolo. Catapultati direttamente nella giungla, la stessa che invadeva il mondo conosciuto nel film con protagonista Robin Williams, i quattro si ritroveranno a “giocare” nei panni dei personaggi del videogame, che non rispecchiano affatto la loro personalità né il loro reale aspetto fisico. Nel resto del cast troviamo Rhys Darby, Nick Jonas e Karen Gillan.

Vi presento Christopher Robin   (3 gennaio) secondo film in uscita

Il biopic diretto da Simon Curtis è di quelli che certamente meritano una visione in sala. La narrazione è incentrata sulla figura dello scrittore A.A. Milne, celebre padre di Winnie The Pooh e di quel gruppo di dolci personaggi che da più di 90 anni allietano le notti e i giorni del giovanissimo pubblico internazionale. Il film di Curtis racconta una storia che precede la ribalta animata realizzatasi grazie all’intervento di Walt Disney, e che si focalizza dunque sulle origini di questo fenomeno non solo letterario. Milne, autore tra gli orrori delle due guerre mondiali, riverserà in questo nuovo universo “al miele” la spensieratezza di un mondo non toccato dai drammi del quotidiano, lo stesso mondo in cui si rifugia suo figlio Christopher durante il gioco. I peluche del piccolo si tramuteranno quindi negli amatissimi Winnie, Tigro, Ih-Oh, Tappo e Kanga, dando vita ad un mondo in cui arrestare la tragedia del ricordo nel segno di un ritrovato incanto. Con questo particolare aspetto narrativo, Curtis ha già dimostrato abbondantemente di saperci fare in Woman in gold, con la fantastica Helen Mirren e Ryan Reynolds. Nel cast ritroviamo Margot Robbie, oltre alla bravissima Kelly McDonald vista in Anna Karenina di Joe Wright e in Boardwalk Empire. Protagonisti assoluti saranno però l’irlandese Domhnall Gleeson e il piccolo Will Tilston, che tanto ricorda, al maschile, la dolcezza della prima Shirley Temple.

Corpo e anima   (3 gennaio) terzo film in uscita

Arriva finalmente in Italia il film vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino 2017. Un titolo, nel lungometraggio diretto dall’ungherese Ildiko Enyedi, che allude alla dualità dell’esistenza, al rapporto costante tra materialità e spirito. Molto raro farlo, però, attraverso il mondo del lavoro, fenomeno contestuale in cui Endre e Mária incrociano i loro destini. In una sorta di universo onirico che occhieggia alla teoria freudiana del travestimento, i due personaggi si incontrano nei sogni sotto forma di cervi, dando vita ad un’intensa relazione fisica. Ma nella realtà giornaliera Endre e Mária condividono uno sterile e distaccato rapporto lavorativo. L’uomo, direttore amministrativo di un mattatoio, prova persino diffidenza nei confronti della donna, ispettrice della qualità per conto del governo. Mária è una donna rigida, glaciale nell’applicazione del protocollo, che ha alle spalle una grande difficoltà nel relazionarsi all’altro sesso. Quando, per puro caso, scopriranno di condividere lo stesso sogno, le vite di entrambi si apriranno a possibilità inaspettate. L’eros inespresso, la paura del giudizio, il desiderio d’amore che trova luce nell’inconscio e nel simbolismo; temi che la cineasta plasma nell’esigenza di ritrova una dimensione tattile del sentimento, per una love story originale e dalle premesse drammatiche che alludono a un bisogno di fuga dal reale, a un ritrovato rifugio nel sogno dall’asettica concretezza dei rapporti umani, cui la produzione di carne allude chiaramente. Protagonisti assoluti sono gli attori Alexandra Borbély e Géza Morcsányi.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta cinque stelle: “Sta nascendo il nostro programma elettorale”
Articolo successivoIl 2017 si chiude un biennio storico per la Puglia turistica
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here