What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 25 al 26 aprile (parte 2)

film in uscita

In questa seconda parte di What’s UP (trovate la prima cliccando qui) gli “Avengers” fidelizzano ancora di più i propri spettatori, per una saga action che è ormai vero fenomeno di culto. Al botteghino non c’è storia, ma le melodie francesi di Rachid Hami provano a condurci lontano dal fracasso. Buona visione, con i film in uscita al cinema di What’s UP!

Avengers: infinity war   (25 aprile)    primo film in uscita al cinema

La parola d’ordine pare essere una sola: gestione. E se appare difficoltoso già il solo far collimare le tante personalità attoriali qui in lista, senza oscurarne alcune a privilegio di altre, ancora più intricato e (ammettiamolo) quasi proibitivo, appare il tentativo di tessere una ragnatela che non tenga fuori nessuno dei personaggi su cui l’universo cinematografico Marvel costruisce la sua fortuna da dieci anni a questa parte. Il lavoro compiuto nel Marvel Cinematic Universe era teso, sin dall’inizio, ad esaltare le storyline in maniera indipendente, per poi fare degli episodi “Avengers” una sorta di celebrativa (e remunerativa) cartina tornasole dell’appeal del marchio. Il brand, orfano di un Joss Whedon che era riuscito a dare un indirizzo ben preciso alla saga nei due primi episodi dei “vendicatori”, con incassi complessivi che hanno superato in entrambi i casi il miliardo di euro, si sposta nelle mani della coppia Anthony-Joe Russo, factotum della storyline di Captain America, con il seducente Civil War che fa il paio con il convincente episodio mediano di Winter soldier, dopo l’allontanamento di Joe Johnston dal progetto. Elemento di sicuro interesse è la presenza, come sceneggiatori, proprio degli storici collaboratori dei Russo: parliamo di Stephen McFeely e di Christopher Markus, autori che fa sorridere pensare come creatori di una sceneggiatura che le reviews dipingono già come sede di un punto di vista ribaltato, in un titolo villain-friendly. La trama si sofferma infatti su Thanos, sposandone l’ottica, in un attacco universale alla terra. A far fronte alla spietata minaccia saranno proprio i supereroi classici, e al loro fianco non tarderanno ad arrivare i Guardiani della Galassia, capitanati da Star Lord (Chris Pratt). Nel titanico cast, ci limitiamo a segnalare Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Chris Hemsworth, Mark Ruffalo, Benedict Cumberbatch, Chris Evans, Vin Diesel, Jeremy Renner, Benicio Del Toro, Elizabeth Olsen e Zoe Saldana. Il ruolo da antogonista/protagonista è invece affidato a Josh Brolin.

Terra bruciata!   (25 aprile)     secondo film in uscita al cinema

Bellona e Acerra; stragi indimenticate sul suolo campano, ad opera della mano nazista. Ma ci sono altre voci che urlano una giustizia che solo la memoria può assicurare. Tra queste, il brutale eccidio di Conca della Campania, una splendida località incastonata tra Roccamonfina e lo splendido Parco Nazionale del Garigliano. Questi luoghi, ammantati di una magia naturale, furono triste teatro del massacro di 39 tra donne, uomini e bambini, prede innocenti dei disumani rastrellamenti della divisione Hermann Goering, dopo l’assassinio di un militare tedesco ad opera di un partigiano travestitosi da frate. Una vendetta che costò cara alla piccola comunità, e che il regista Luca Gianfrancesco ha scelto di rievocare in un documentario che si mescola alla finzione, sceneggiato e fotografato dallo stesso cineasta.

Tu mi nascondi qualcosa   (25 aprile)    terzo film in uscita al cinema

L’attore Giuseppe Loconsole in Tu mi nascondi qualcosa è al suo esordio alla regia cinematografica. La commedia in questione, erede dei grandi film a episodi prodotti in Italia a cavallo tra gli anni ’50 e ’60, non sembra avere però né intento didascalico, né, tantomeno, unitarietà tematica, fatta eccezione per le bugie, che accomunano i tre intrecci che compongono il soggetto. Protagonisti, nella rispettive sottotrame, sono Sarah Felberbaum, Alessandro Tiberi, e Rocco Papaleo. Quella di quest’ultimo, interprete di Alberto, è una storia sulla perdita della memoria. L’uomo si risveglia in ospedale dopo un trauma, ma ha perso completamente i suoi ricordi. Sulle sue tracce c’è Irene, moglie disperata. Ma quando la donna lo ritroverà, scoprirà che al suo fianco c’è un’altra donna, Jamila (Rocio Munoz Morales). L’uomo, che intratteneva una relazione clandestina con Jamila, potrà, secondo i medici, recuperare la memoria solo se vivrà al fianco di entrambe le donne. In un altro episodio, Ezio (Tiberi) è uno scrittore di fantascienza, partner nella vita della pornostar Linda (Stella Egitto). L’uomo, che ha sempre accettato senza problemi che la propria donna avesse rapporti sessuali per lavoro, inizia a sospettare che il rapporto tra la sua compagna e un performer maschile vada oltre le esigenze di scena. Nella terza ed ultima mini trama, invece, Valeria (Felberbaum) è un’investigatrice improvvisata, per dar manforte all’agenzia di suo padre. Il suo pedinamento è però indirizzato alla persona sbagliata, e finisce così per entrare, suo malgrado, nella storia del tradimento perpetrato ai danni di Francesco (Battiston) dalla sua fidanzata. Proprio l’intervento involontario di Valeria causerà la fine della storia tra i due, e Francesco le chiederà di rimediare al danno procurato. Nel cast Ninni Brischetta, Olga Rossi, Rocio Munoz Morales, e Jonis Bascir.

Youtopia   (25 aprile)    quarto film in uscita al cinema

Ancora la mass-medialità, nel cammino di Berardo Carboni. Da quella prima romanzesca, poi distruttiva di un potere comunicativo imperante e quasi assoluto, manifestata in Shooting Silvio, Carboni riabbraccia l’assurdo, spingendosi ancora in una deformazione quasi distopica dei volti più noti del progresso. Così internet diventa la sede di un annuncio subito virale, con la bella e giovane Matilde (Matilda De Angelis) che decide di vendere il suo corpo e la sua verginità online. La causa di una decisione tanto estrema è la difficoltà economica della famiglia, tutta al femminile, della ragazza. La nonna, affetta da disagi psichici, è assistita dalla figlia Laura (Donatella Finocchiaro), madre di Matilde ed ex istruttrice di fitness, che versa in un grave stato di depressione dopo aver perso il lavoro. Tra gli sceneggiatori figura, al fianco dello stesso Carboni, Dino Giarrusso, uno dei registi del film episodico Feisbum. Nel cast ritorna a collaborare col regista, proprio dopo Shooting Silvio, Alessandro Haber, qui nei panni di un vile farmacista sessantenne, solo apparentemente ligio professionista ed esemplare padre di famiglia, interessato alle prestazioni sessuali della diciottenne protagonista. Presenti anche Pamela Villoresi, Lina Bernardi, Luca Lionello e Paolo Sassanelli.  

La mélodie   (26 aprile)    quinto film in uscita al cinema

Una storia di riscatto attraverso l’impegno scolastico, di quelle che servono in tempi bui come questi, per riscoprire il valore di una delle istituzioni più preziose per la crescita democratica ed individuale di un popolo. Nelle periferie di Parigi, in una scuola frequentata da ragazzi disagiati o figli di realtà economiche disperate, giunge Simon Daoud, talento internazionale del violino. L’uomo, proveniente da un’educazione e da una formazione elitarie, che gli hanno permesso di toccare vette d’eccellenza nell’esecuzione strumentale, si trova in una situazione che lo costringe ad accettare lavori più umili di quelli che si aspetterebbe di trovare. Tra questi rientra la collaborazione, in veste di insegnante, con la scuola media di cui sopra. La missione di Simon sarà portare questo gruppo di ragazzi indisciplinati, ma non privi di sensibilità musicale, alla grande esibizione presso l’avveniristico teatro della Filarmonica di Parigi. Tra i ragazzi emerge Arnold, un alunno africano interpretato dal giovanissimo Alfred Renely. Nel cast del film, diretto da Rachid Hami, troviamo la simpatia intelligente di Kad Merad, supportata da Slimane Dazi e da Samir Guesmi.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni RSU nella Bat, l’analisi del voto della Fp Cgil
Articolo successivoLa vicenda di Alfie Evans riapre la discussione sull’eutanasia
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here