What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 4 al 6 dicembre (parte 1)

barlettanews- film in uscita

Tra i film in uscita al cinema, tre commedie molto diverse tra loro, che esplorano con ironia temi di portata universale come la genitorialità e l’integrazione. Buona visione da What’s UP!

Cento anni   (4 dicembre)

Primo film in uscita

Un lavoro particolare, questo di Davide Ferrario e Alex Lora, che sciorina l’Italia attraverso le sue disfatte, nei luoghi e nei volti di chi ha patito la sconfitta, nelle sue forme più tragiche. Così non è errato riferirsi alla storia del nostro paese come a un percorso disseminato di Caporetto non soltanto di matrice bellica. Stragi, distruzioni, tragedie sociali, umane e politiche, dalle quali è stato spesso difficile per il popolo rialzarsi, a partire proprio da quel 1917 rievocato tristemente in ogni manuale di storia contemporanea italiana, passando per il disastro del Vajont e la strage di Brescia, in Piazza della Loggia. C’è un’utilità al dramma? È ravvisabile, persino nella morte di vite innocenti, il germe di un riscatto sociale per un intero paese? Tra i produttori di questo documentario figura anche Rai Cinema.

Bad moms 2   (6 dicembre)

Secondo film in uscita

Ce le ricordiamo tutti le “bad” moms dirette a quattro mani dal duo Jon Lucas/ Scott Moore. Quel concetto sottile, anche se mal sciorinato dalla sceneggiatura degli stessi registi, per il quale i tempi “di e per” la prole siano irrimediabilmente cambiati al giorno d’oggi, diventava l’incipit di una commedia forse un po’ scialba, ancorata allo stereotipo della rivincita delle adulte nei confronti del progressivo ampliamento del ruolo dei bambini all’interno della famiglia. In una sorta di capovolgimento inaspettato, Mila Kunis e compagne coglievano al volo l’opportunità di fuggire dai propri doveri materni per darsi alla pazza gioia. Cos’abbia ancora da dire questo soggetto è davvero un mistero. Per questo, come spesso accade, ed il parallelismo chiama in ballo il genere maschile con Daddy’s Home 2, film al quale il film in uscita occhieggia forse senza malizia, l’unico modo per ravvivare la fiamma resta sempre quello di affidarsi all’old generation. Via libera quindi all’ingresso delle mamme delle protagonista del primo capitolo, termine di paragone per eccellenza per queste quarantenni già stufe del loro ruolo in famiglia, e vere e proprie arpie pronte a tutto pur di far rispettare la tradizione. Nel cast ritroviamo il trio composto da Mila Kunis (Amici di letto), Kristen Bell (ex “Veronica Mars”) e Kathryn Hahn (The visit), al quale si affianca la terribile compagnia di Susan Sarandon, Christine Baranski e Cheryl Hines. Una piccola e gradita sorpresa è rappresentata dalla presenza del giovane Emjay Anthony, enfant prodige degli horror Krampus e Incarnate.

Due sotto il burqa   (6 dicembre)

Terzo film in uscita

Immaginate una coppia interraziale e… un terzo incomodo. E se il terzo incomodo fosse il fratello della fidanzata, come uscirne? Mahmoud, tornato da un viaggio nello Yemen alla riscoperta delle proprie origini da musulmano, al ritorno a New York inizia a gradire sempre meno le attenzioni di Armand nei confronti di sua sorella Leila, fino ad impedirle di uscire di casa. Armand, imperterrito, decide di camuffarsi da donna usando un burqa, per poter vedere Leila evitando le ossessioni del fratello. Inaspettatamente, però, Mahmoud si invaghisce della nuova e misteriosa amica che fa visita così spesso a sua sorella, dando il là a situazioni incredibili e ad equivoci imbarazzanti. Ci aveva già provato Philippe de Chauveron con il suo Non sposate le mie figlie, a costruire una lettura leggera, ma non per questo meno valida, del tema dell’integrazione culturale e religiosa attraverso l’amore. Il risultato, gradevole ma privo di profondità, non aveva certo fatto gridare al miracolo. Sou Abadi, regista e sceneggiatore, ci riprova ironizzando, non senza una buona dose di audacia, sull’indumento femminile islamico per eccellenza quale separatore e cortina non sempre invalicabile, soprattutto dinanzi a un vero sentimento. Nel cast Camélia Jordana, Félix Moati e William Lebghil, già visto nel piacevole ma dimenticato The fighters.

Il premio   (6 dicembre)

Quarto film in uscita

Non fa nulla per abbandonare la strada del rapporto padre-figlio, Alessandro Gassman. Trattasi di quella strada, che qui si fa concreta anche fuor di metafora, inaugurata al fianco di suo padre Vittorio ben 35 anni fa e proseguita poi con il film Razzabastarda. La genitorialità è qui espressa nel rapporto tra lo stesso Gassman, nei panni dell’ex olimpionico Oreste, sua sorella Lucrezia, interpretata da Anna Foglietta, e un padre forse troppo ingombrante: il rinomato scrittore Giovanni Passamonte. Giovanni, vero protagonista della vicenda, rinuncia ad un viaggio in aereo per recarsi in Svezia, in vista della consegna di un premio letterario. Sceglie piuttosto di avventurarsi in un lunghissimo viaggio in auto, al fianco del fidato Rinaldo (Rocco Papaleo) e in compagnia dei suoi due figli. Lungo il tragitto, si presenterà per tutti la possibilità di parlare del proprio passato e del proprio futuro, dei rapporti famigliari e di cosa ci si aspetta dalla vita. Una commedia “on the road”, che punta sulla comicità immortale di un nome di sicuro appeal come Gigi Proietti, nei panni proprio di Passamonte.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteOttovolante Rosito Barletta: 71-112 il finale contro l’Angiulli Bari
Articolo successivoFurto aggravato in ristorante barlettano: individuato un responsabile
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here