Il vulcano Etna è nuovamente in eruzione con doppia colata. Pare che due fratture sub-terminali del vulcano si siano aperte alla base del cratere Su-Est e sul fianco Nord-orientale del nuovo cratere Sud -Est. Attualmente le uniche due colate laviche che emergono sembra che siano poco alimentate e che abbiano percorso poche centinaia di metri nella zona sommitale del vulcano più alto di Europa.

Il fenomeno è accompagnato da un’attività stromboliana che fortunataamente non impatta sull’aeroporto di Catania, attualmente operativo. Il tremore dei condotti magmatici interni ha raggiunto valori medio-alti ma comunque è in fase di diminuzione.

Il direttore dell’Ingv (Istituto Nazionale Geofisica Vulcanologia) di Catania, Eugenio Privitera afferma: <<Siamo all’avvio di una nuova fase eruttiva dell’Etna che potrebbe finire presto o durare mesi. I fenomeni sono tutti confinati nella zona sommitale del vulcano e non costituiscono un pericolo per centri abitati e persone. Bisognerà controllare i flussi di turisti nella zona per la loro sicurezza>>.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here