“Vivere la legalità” proseguendo le celebrazioni del 25 aprile

20140429_155941“Ricordatevi sempre di me”; queste le ultime parole di Antonio Brancati rivolte, in una lettera, alla propria famiglia. E proprio con la lettura di questa ultima missiva che ha avuto inizio, presso la Sala Rossa del Castello di Barletta e a pochissimi giorni dalle celebrazioni del 25 aprile, l’incontro “I giovani e le Istituzioni”, organizzato nell’ambito del progetto “Vivere la legalità” a cui hanno aderito gli studenti del 4° e 5° anno del Liceo Scientifico “C. Cafiero”.

L’incontro ha visto la partecipazione, in qualità di relatori, del sindaco di Barletta Pasquale Cascella, del prof. Ugo Villani, docente di Diritto Internazionale presso l’Università di Bari, e del prof. Luigi Dicuonzo, responsabile dell’Archivio della Resistenza e della Memoria, introdotti dalla prof.ssa Rita Farano e dal preside del “Cafiero” Luciano Gigante.
Scopo principale dell’evento è stato quello di richiamare e ricordare ancora una volta tutti quei valori affermatisi durante la Resistenza e sfociati poi nella stesura della Costituzione e l’affermazione del modello repubblicano, valori che proprio per questo importante ruolo sono ancora al centro della vista istituzionale.

“Il nostro ruolo di educatori – ha affermato la prof.ssa Farano in apertura dei lavori – è quello di cercare in qualche modo, nel limite delle nostre possibilità, di avvicinare i ragazzi ad una cultura democratica, che si acquista solo attraverso la conoscenza e l’applicazione dei principi che sono alla base della nostra Costituzione”
Un concetto, questo, ripreso poi dal brevissimo intervento del preside del Liceo Scientifico, Luciano Gigante, il quale ha voluto sottolineare come: “La scuola abbia un’unica finalità, ovvero quello della crescita culturale dei giovani, e il Liceo Scientifico ha voluto dare il suo contributo alla crescita civile e morale della città”.

È stata infine data la parola ai relatori dell’incontro, i quali hanno analizzato il ruolo degli importanti valori della Resistenza sotto tre punti di vista affini ma differenti: il sindaco Cascella, nel suo intervento “Amministrare la comunità civica nel rispetto dei Valori costituzionali” ha illustrato, dopo un breve excursus sulla nascita e affermazioni degli ideali alla base della carta costituzionale, l’importanza degli stessi in ambito amministrativo; il prof. Ugo Villani ha invece analizzato l’importanza di tali valori in campo comunitario ed internazionale nel proprio intervento “Valori comuni, Valori nazionali nell’Integrazione Europea”; infine, mettendo l’accento sugli avvenimenti storici che hanno coinvolto anche Barletta all’indomani dell’armistizio del ’43 e l’importanza degli stessi in campo internazionale, ha preso la parola il prof. Luigi Dicuonzo con l’intervento “L’Europa che vogliamo, il Comune e l’Archivio di Barletta in prospettiva Europea”

Così si è conclusa un’ulteriore, grande occasione per ricordare alle giovani generazioni l’importanza e i sacrifici compiuti affinché questi ideali divenissero valori universalmente riconosciuti e protetti

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGuerriglia politica sulla problematica Ecocentro in zona 167
Articolo successivo1 maggio: la festa del lavoro che non c’è
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here