Viabilità via Trani, L’Assimpro incontra il sindaco Cannito

via Trani
“Ci abbiamo provato ma nessuna soluzione è risultata praticabile: terremo alta la guardia”. E’ il commento di ASSINPRO B.A.T. (Associazione degli Industriali della Sesta Provincia Pugliese) a seguito dell’incontro odierno, tenutosi a Palazzo di Città, sulle problematiche legate alla viabilità della zona industriale di via Trani a Barletta a seguito dell’avvio dei lavori di soppressione dei passaggi a livello.

“E’ stato un incontro importante seppur privo di alternative all’attuale viabilità della zona. Abbiamo rappresentato al sindaco Cannito, ad assessori, consiglieri, dirigenti e tecnici presenti delle difficoltà delle imprese e dei lavoratori di via Trani e più in generale dei cittadini anche in virtù dell’imminente arrivo della stagione estiva che andrà ulteriormente a congestionare il traffico veicolare nella suddetta area”.

“Per la verità l’Amministrazione ci ha informato del fatto che ancor prima dell’avvio dei cantieri aveva studiato la fattibilità di nuovi sbocchi viari al fine di evitare lunghe code, attese e disagi tra via Trani e via Scuro. L‘allargamento, ad esempio, di viale Regina Elena sulla litoranea di Levante (dopo ‘Ipanema’) al fine di dar vita ad una parallela alternativa alla stessa via Trani. Purtroppo, tale soluzione è risultata impraticabile, nonostante, la disponibilità di privati ad allargare la strada, a causa della presenza di un canale soggetto a vincolo paesaggistico. Si sono ipotizzate le aperture di via dell’Industria e dell’area confinante l’Euronics di via Trani ma anche queste opzioni risultano impossibili da percorrere così come l’arretramento di Cementeria Buzzi Unicem e Timac”.

Dalla Cementeria è stata manifestata al sindaco Cannito la possibilità di evitare l’uscita dei propri mezzi pesanti su via Trani, all’altezza del semaforo di recente installazione, prevedendo l’apertura di uno dei varchi preesistenti su via Scuro al fine di calmierare il traffico ed agevolare il percorso in direzione S.S. 16 BIS”.

“Dall’Amministrazione, inoltre, è stato precisato che allo stato è impossibile rimuovere l’impianto semaforico di nuova realizzazione tra via Trani e via Scuro per via della pericolosità dello stesso incrocio ma è emersa la possibilità, soprattutto in prossimità dell’arrivo dell’estate, di ridurre i tempi d’attesa dei semafori”.

Si pagano inevitabilmente gli errori ‘urbanistici’ del passato per i quali oggi a pagarne le conseguenze sono le imprese che hanno resistito alla crisi ed i loro lavoratori. Tuttavia è emersa la volontà dal parte del sindaco e dell’Amministrazione di esser pazienti e di accogliere, qualora ve ne fossero, nuovi suggerimenti ed ipotesi finalizzate a migliorare la situazione. In chiusura riteniamo opportuno ringraziare l’Amministrazione augurandoci che questa interlocuzione con gli imprenditori possa portare ad un filo diretto più frequente atto a risolvere le tante problematiche che riguardano Barletta. Sulla questione affrontata, resteremo vigili, rappresentando sempre qualsiasi mozione o iniziativa derivante dal nostro tessuto imprenditoriale ma anche socio-economico. L’ASSINPRO coglie l’esortazione del sindaco Cannito ad essere propositivi, a presentare soluzioni: nei prossimi giorni convocherà gli ordini professionali di ingegneri ed architetti per organizzare un tavolo comune”.
 
 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here