Via dei Muratori vuole Barletta differente

Il 26 marzo scorso l’imprenditore Aldo Musti  inviava una nota esplicativa e aggiuntiva ai Consiglieri comunali, Ai_sig_Consiglieri_26032014  rammentando ancora una volta di intercedere per l’ottenimento della trasparenza e legalità circa la ripetuta vicenda di via dei Muratori. Oggi Musti aggiunge altre consumate lamentele che ci si augura vengano lette e più lungamente meditate:

“Quando le parole sono accompagnate dalla testimonianza istantanea di quanto in allegato, non c’è appello che regga! Molte sono le domande che possono susseguirsi che spaziano dal come sia stato possibile con tanta facilità variare la volontà consiliare in barba alle norme vigenti a come sia stato possibile che nessuno se ne è accorto per anni:

  • che, le tavole del P.R.G. inviate alla Regione Puglia per l’approvazione (lato “B” dell’allegato) sono diverse da quelle adottate dal Consiglio comunale (lato “A”);
  • che, il Comune ne ha adottata una, la Regione ne ha approvato un’altra, diversa, per la mancanza della maglia “D2-06”;
  • che, entrambe sono firmate dagli stessi progettisti e verificate dallo stesso Dirigente del Settore Urbanistica;

-che, sono state usate alla bisogna degli stessi dirigenti, entrambe le versioni, anche se palesemente contraddittorie, con conseguente danno erariale a carico del Comune di Barletta, e quindi dei cittadini per sentenze del Tribunale amministrativo di Bari, ben note.

E questa la Barletta che vogliamo?

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here