Via dei Muratori: una lingua d’asfalto che termina nel nulla

Via dei muratori

Riportiamo severa nota di Aldo Musti, relativa al degrado e all’incuria in cui versa via dei Muratori.

“Una lingua d’asfalto che termina nel nulla. Una savana impenetrabile di piante infestanti alte quasi due metri, all’interno della quale trova rifugio ogni sorta di insetti e roditori, ricettacolo di rifiuti vari. Non si tratta della desolante periferia di qualche sperduta area del Terzo Mondo. Questa è via dei Muratori, Barletta, Italia, Europa, 2014.

Le fotografie ledono l’immagine della città? I fatti sono testardi.

Dopo la sparizione della strada dalle tavole del PRG, dopo la scomparsa delle stesse tavole, si assiste ora all’eclisse della strada stessa, inghiottita dalla natura. Del resto, come è noto, il cuore non duole se l’occhio non vede.

Dell’ultimazione della strada non si parla più. Dei vari progetti pronti per l’approvazione, buio. Per la volturazione delle particelle di proprietà comunale, a distanza di alcuni decenni dal passaggio di proprietà, si attendono illuminanti pareri giuridici. Per la pulizia dell’area (tuttora sequestrata dopo le scorribande di un concittadino) si attende l’assenso della Procura, che in realtà l’ha già dato da anni, e che ovviamente nessuno sollecita. Neppure si chiede il dissequestro dell’area: non sia mai, sta così bene, non da fastidio a nessuno.

P.S.: c’è un’ordinanza sindacale (n. 27709 del 2014) che obbliga tutti a pulire le aree incolte da piante infestanti per prevenire incendi e problemi igienici. Vale anche per il Comune e le sue aree?”

ord_antincendio14

Invalid Displayed Gallery

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here