Unione degli Studenti in piazza contro la Buona Scuola

L’Unione degli Studenti Barletta scende in piazza il 24 novembre per continuare il percorso che dall’approvazione della Buona Scuola ha mobilitato migliaia di studenti della città contro la suddetta legge e in particolare l’Alternanza scuola lavoro, tema discusso e portato già dal 13 ottobre nelle piazze di tutta Italia.
 
“Sono innumerevoli i casi di sfruttamento: nostri coetanei vengono indirizzati in aziende, pagando talvolta centinaia di euro per i materiali necessari e per i trasporti, e lavorando anche durante i periodi estivi. Le aziende in cui si fa alternanza spesso non rispettano l’ambiente o i diritti dei lavoratori, magari licenziandoli favoreggiando il lavoro gratuito di centinaia di studenti”.
 
“Continueremo a protestare contro tutto questo fino a quando non verranno messe in atto delle misure che realmente cambierannL l’Alternanza scuola lavoro rendendola un’esperienza gratuita, sicura e formativa per tutti gli studenti” dichiara Elisabetta Dibitonto, coordinatrice dell’organizzazione.
 
“Ci mobiliteremo in ogni scuola per far approvare lo Statuto delle Studentesse e degli Studenti in alternanza: un documento che tutela gli studenti durante i percorsi, e il Codice Etico, che pone come prerequisiti per le aziende in cui si vogliono fare percorsi in modo da poter scegliere aziende che rispettano l’ambiente, i diritti di lavoratori e studenti e i principi della legalità. Tutti noi liceali vogliamo un modello di alternanza gratuita e formativa, con un coinvolgimento degli studenti nella progettazione di ogni percorso” continua Giuseppe Sguera, responsabile dell’Organizzazione.
 
Conclude Leonardo Diella, responsabile della Comunicazione: “Infine, il 24 Ottobre sarà anche una data di rivendicazione su grandi temi come quello del Diritto allo Studio, in Puglia il 15% dei ragazzi abbandona la scuola a causa dei prezzi altissimi della Scuola, dai libri ai trasporti. Questo 24 novembre è l’occasione per cambiare radicalmente il nostro presente”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here