“Che fine ha fatto l’Ufficio Sinistri?”, l’appello di Barletta Cinque Stelle

barlettanews- ufficio sinistri

La delibera di Giunta n.225 del 2/11/2017, punto all’ordine del giorno del Consiglio Comunale che si celebrerà l’8/9 novembre 2017, è l’ennesimo esempio di grave inefficienza amministrativa della città in danno delle casse comunali e dunque dei cittadini contribuenti.

Oggetto della delibera è l’accettazione e conseguente addebito di spesa in bilancio comunale della transazione del Giudizio R.G.n.4118/2016 pendente presso il Tribunale di Trani che ha visto coinvolto  il Comune di Barletta a seguito di un sinistro.

Il quesito che ci poniamo è come mai si sia arrivati in giudizio con conseguente aggravio di spese per le casse comunali e non si sia provveduto prima a risarcire il cittadino, vittima del sinistro, esistendo un apposito ufficio sinistri a ciò delegato.

Non è accettabile che la macchina amministrativa non sia stata capace, in questi anni, di monitorare attraverso il settore Manutenzioni il territorio e attraverso l’Ufficio Sinistri, di evitare i contenziosi che coinvolgevano responsabilità del Comune di Barletta.

Si ricorda che l’Ufficio Sinistri comunale fu istituito, tra l’altro, per evitare di pagare una polizza assicurativa molto gravosa per le casse comunali, e prevenire contenziosi nei quali il Comune di Barletta sarebbe stato sicuramente soccombente.

Tale Ufficio Sinistri avrebbe dovuto procedere regolarmente a transazioni con le parti danneggiate, oppure, in  caso di mancata transazione, trasmettere la pratica all’Ufficio Legale, che avrebbe  dovuto costituirsi, nei termini previsti,  in giudizio.

La sopracitata delibera riconosce espressamente che l’Ufficio Sinistri comunale non ha funzionato, senza considerare che in molti giudizi pendenti presso il Giudice di Pace di Barletta o il Tribunale di Trani il Comune è rimasto contumace.

Solo tardivamente si cerca di porre un freno ai contenziosi, come si legge dalla delibera, chiedendo un report condiviso della mappatura dei sinistri all’ Ufficio Legale, all’Ufficio Manutenzioni e all’Ufficio Sinistri.

In altre parole non avendo vigilato ed individuato, attraverso un monitoraggio del territorio, le zone a rischio al fine di procedere agli interventi di riparazione ed evitare situazioni di pericolo per i cittadini, si arriva a chiedere la mappatura di tali zone solo quando i Giudizi pendenti sono aumentati.

Per quanto altro tempo ancora, i barlettani dovranno tollerare tanta colpevole inefficienza amministrativa che si trasforma in un danno per le casse comunali?

Ai posteri l’ardua sentenza, al Consiglio Comunale l’ennesima approvazione di una delibera, esempio di incompetenza amministrativa.

Michele Tedeschi – Barletta Cinque stelle

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here