Tutti i look degli Oscar 2017 – Candida eleganza e proteste azzurre

È terminata da appena 24 ore l’attesissima 89esima edizione degli Oscar (leggi qui i vincitori).  Come per i Cesar Awards ma differentemente dai Golden Globe questa serata è stata un vero proprio tripudio di eleganza. Non che sul tappeto rosso più ambito e prestigioso non ci sia stato del glamour, anzi, però non possiamo dire che si siano trasformati in trash, tutt’altro. Si è  trattata di una vera e propria sfilata di misura e classe in fondo in un’occasione così importante non si può certo sfigurare davanti a oltre 100 milioni di spettatori sparsi per il globo! Le star hanno puntato quasi alla perfezione  presentandosi nel loro massimo splendore.

Sul red carpet sono prevalse le mise chiare, tant’è che i colori più gettonati sono stati oro, bianco, nude, argento, qualche scuro e multi-color. Emma Stone ha ritirato la sua statuetta in un abito oro brillante lavorato con frange di Givenchy, stesso nude per Nicole Kidman in Armani, che ha scelto uno scollo all’americana tempestato di decorazioni.

Il fiocchetto azzurro quasi sotto forma di forma di protesta sull’abito rosso Valentino di Ruthe Negga, lungo con strascico con dettagli in pizzo, creato dallo stilista per lei, meno bella la coroncina. Come lei la modella Karlie Kloss , con un raffinato abito lungo, bianco, di Stella McCartney, ha sfoggiato lo stesso fiocchetto sul fianco,  bellissimo il collier. Madre e figlio come Lin-Manuel Miranda in black e white o come l’attrice Busy Phillipps in nero aderente con tratti in trasparenza, hanno fatto parte parte del gruppo del fiocchetto Aclu. Differente è stato il pensiero dello scrittore Tarell Alvin McCraneyporta, poichè il suo intento è stato più che altro in segno d’amore con un fiocco rosso spillato sul suo smoking bianco.

Elegante e davvero sexy Emma Roberts nel suo Armani color crema,  nero, elaborato ma senza applicazioni e dalla bella scollatura incrociata dietro. Perline argentate e orecchini avvolgenti per Isabelle Hupper, elegante e raffinata al punto giusto.  Argento anche per Octavia Spencer che si è presentata in Marchesa, creato appositamente per lei, in una mise dal “piumaggio” di tendenza richiesto dall’attrice. White anche per Naomi Harris in Calvin Klain, un modello tutto di paillettes, corto avanti, lungo dietro, linea geometrica e sandali gialli.

Ralph & Russo per Hailee Steinfeld, che ha percorso la passerella del red carpet con un lungo abito che ricorda un po’ la foresta incantata, di base bianco ma con tratti cangianti light&rose.

Armani è sicuramente uno degli stilisti più richiesti dalle star a quanto pare. Infatti anche Viola Davis ha optato per un dress totalmente personalizzato, color rosso con un il particolare delle spalle messe in evidenza, nonché il punto forte dell’attrice. L’abito indossato da Michelle Williams è stato molto affine  all’Armani di Emma Roberts.

Cinquanta sfumature di Gucci per l’abito giallino-oro di Dakota Jhonson: le spalline, la collana, il colletto e l’acconciatura non sono state il massimo come i bellissimi anelli Cartier.

Un dress lungo Dior, metallico, scollato fino in vita e orecchini disparati per Charlize Theron, il vestito forse un po’ “comune” senza sminuire la scelta fatta o la gran casa di Dior. Invece Kirsten Dunst con il suo di Dior, è stata un incanto, chic all’ennesima potenza.

Un sideboob non riuscito per Scarlett Johansson, il suo multicolor Azzedine Alaia, con il cinturone in vita, aggressivo come i suoi capelli, non ha reso giustizia nemmeno ad una bellezza come la sua.

Brie Larson invece, ha deciso per un velluto ricco di volant lungo tutto il vestito, di Oscar De La Renta, Traji P. Henson ha puntato su un velluto di Alberta Ferretti con spacco e scollatura a cuore e  la fazione dei neri continua: con Salma Hayek in Alexander McQueen, Jennifer Aniston in Versace e Alicia Vikander in Vuitton con un bel collier Bulgari.

Di grande effetto è stato il vestito della bellissima Halle Barry, incrociature di tulle sul petto color nero, su una base bianco perla di Versace rifinito da decorazioni silver. Effetto sposa per Sofia Carson in Monique Lhuillie, tutto bianco con filamenti dorati. Sul tappeto rosso anche un capo Chanel, che  sembra sia uscito direttamente dalle scorte dell’ultima sfilata di Karl Lagerfeld, in quanto riporta piume su un tessuto tempestato di Swarovski e l’ha indossato Sofia Baoutella.

Anche Tom Ford non poteva mancare in questa serata, Emy Adams ha scelto argento ma in maglia di metallo, mood nuvola gialla con fiocco è stato l’ebito indossato da Leslie Mann in Zac Posen e la “biancaneve” della televisione si è presentata in rosso Zuhair Murad, ci riferiamo alla doppiatrice e protagonista del telefilm Once upon Time, Ginnifer Godwin.

Il Dior Couture che ha sfoggiato Felicity Jones è stato tipico per il classico americano “ballo delle debuttati”, Sara Breilles ha indossato un bel rosso di Ramoza Keveza con gioielli Marco Bicego in stile grezzo, quasi medievale ma di sicuro un ottimo accostamento. Particolare, assolutamente non castigato, il fiabesco Elie Saab Couture di Janelle Monae, un vestito stile regina Maria Antonietta.

Per questa edizione tanti i “filtri”, dai i fiocchi blu dell’Aclu (american Civil Liberties Union, organizzazione che si batte per i diritti civili) indossati da alcuni vip come protesta alla politica di Trump ai Fiocchi rossi per chi sostiene l’amore e una bella polemica, oltre quella politica, tra Maryl Streep e Karl Lagerfeld. L’attrice, appunto per questa serata, ha cercato di evitare i riflettori in tutti i modi e non ha indossato Chanel, nonostante l’atelier avesse già pronto l’abito creato per lei dichiarato dallo stilista della Maison. Il motivo non è ancora chiaro ma pare che entrambi aspettino scuse a vicenda.    

                                               

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here