Tratta Barletta-Spinazzola: si avrà la fermata presso il polo ospedaliero di Barletta

Osservazioni sulla storica ferrovia nel Piano di Bacino del Trasporto Pubblico Locale Provinciale

Molte sono state, nel corso degli ultimi anni, le vicissitudini che hanno interessato il tratto ferroviario che collega Barletta e Spinazzola, tra cancellazioni del servizio, sostituzioni e mancate valorizzazioni. Tuttavia negli ultimi tempi sono stati fatti alcuni passi avanti per rispondere alle richieste di molti cittadini interessati nel vedere la tratta Barletta-Spinazzola ricoprire adeguatamente il ruolo di collegamento tra la costa e i territori interni della Provincia Barletta-Andria-Trani.
Già infatti si era parlato, seppure solo in maniera incidentale, del tratto ferroviario in questione lo scorso ottobre, in occasione della firma di un Protocollo di Intesa tra l’Amministrazione Comunale e il Politecnico di Bari, ma un passo avanti decisamente più importante si è avuto solo in questi giorni.

Proprio l’importanza della tratta ferroviaria Barletta-Spinazzola e, più in particolare, del suo cruciale compito ha ispirato le osservazioni al Piano di Bacino del Trasporto Pubblico Locale Provinciale avanzate dal Comune di Barletta.
Il documento, firmato dal sindaco Pasquale Cascella e dell’assessore alla Mobilità Irene Pisicchio, mira a promuovere la connessione funzionale tra tutta la rete di trasporto nazionale, regionale e provinciale anche al fine di favorire la valorizzazione delle risorse locali e contribuire alla riqualificazione dei sistemi urbani.
Particolare risalto in quest’ottica assume la proposta di assicurare, nell’ambito del rilancio della tratta ferroviaria Barletta-Spinazzola, una fermata in corrispondenza del polo ospedaliero di Barletta al servizio dell’intero territorio.

Alla priorità assegnata dal Comune alla tratta ferroviaria fa riferimento anche il progetto del “Treno dell’archeologia e del Turismo Val d’Ofanto” nel ciclo d programmazione 2014-2020. Il progetto prevede infatti un vero e proprio viaggio nella storia del territorio percorso sulla tratta Barletta-Spinazzola, in cui i passeggeri del treno avranno modo di visitare e osservare alcuni dei luoghi più carichi di importanza storica di tutta la Puglia, come per esempio Canne della Battaglia, uno dei tanti luoghi legati a filo doppio non solo alla storia locale ma anche(e forse soprattutto) alla Storia mondiale e militare.
Le osservazioni del Piano in questione mirano a garantire anche una gestione ordinata tra il trasporto ferroviario e quello su gomma evitando sovrapposizioni e garantendo una razionalizzazione del sistema prestando particolare attenzione all’ambiente.

Questo documento segna effettivamente un passo in avanti per la vera riqualificazione di una tratta storica, la seconda mai creata nel territorio italiano dopo la Napoli-Portici, a cui è lecito aspettarsene molti altri non solo per rendere onore alla Storia ma anche per offrire un degno servizio a tutti i cittadini del nostro territorio.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here