“Ti voglio bene” Don Tonino

ToninobelloIl processo di beatificazione di don Tonino Bello è in itinere. Interpretando la sua vita, viene da chiedersi se gli sarebbe importato poi tanto assurgere alla santità. Più interessanti e densi di attualità sono invece gli incontri che si susseguono, ricordando i mille aneddoti della sua cristiana, caritatevole quotidianità.

Il 3 novembre, presso la Parrocchia di San Giacomo Maggiore è stato presentato il libro a lui dedicato dal titolo ” Ti voglio bene”. Sono intervenuti Don Sabino Lattanzio (Parroco di San Giacomo Maggiore), Trifone Bello (fratello di Don Tonino), Giancarlo Piccinni (Presidente della fondazione “Don Tonino Bello”), Agostino Picicco (giornalista e scrittore) e Renato Brucoli (Direttore “Ed-insieme”).

L’incontro, dai tratti informali e a volte toccanti, ha presentato la vita di don Tonino Bello come testimonianza del Vangelo di Cristo e la sua figura non solo di Servo di Dio, ma soprattutto di portatore di valori largamente condivisi e condivisibili, tanto da essere amato da credenti e non credenti.

Sono emersi chiaramente aspetti della sua vita e del suo essere, dall’amore per il creato all’anticonformismo religioso e politico. Egli infatti critica fortemente il ritualismo e l’idolatria, vede le altre religioni non come ostacolo, ma come portatrici di catarsi interiore e si oppone all’installazione dei missili a Gioia del Colle durante il governo Craxi. Una figura quanto mai attuale in un periodo di crisi valoriale come questo, portatore di un messaggio in cui la povertà, la non-violenza e la tolleranza primeggiano. Da questo punto di vista si può dire che don Tonino Bello si pone in una sorta di continuità tra San Francesco e Papa Francesco, di cui è in qualche modo anticipatore. Ma emerge anche una personalità piuttosto scomoda per alcuni, criticata ancora oggi da molti per la sua contrarietà verso i segni della sua stessa istituzione, ancorata a gerarchie e lussi fuori dal messaggio evangelico.

Amato dai giovani, temuto dai conservatori, don Tonino Bello non smette di destare sorpresa in chi, giorno dopo giorno, scava nel suo vissuto risultando, anche per persone che non lo hanno conosciuto, un esempio di condotta. Come noto, la sua causa di beatificazione e canonizzazione è in atto ed ormai prossima alla chiusura.

Alla luce della sua testimonianza di vita appare quindi più che giustificata la decisione della Giunta Comunale di Barletta di intestare a Lui il piazzale antistante la parrocchia di San Giovanni Apostolo nell’ultima delibera che ha denominato strade e piazze della zona di nuova espansione della città.

Il libro su Don Tonino Bello “Ti voglio bene”, fatto di interventi di autori vari, è a cura di Giancarlo Piccinni e Agostino Picicco – Ed Insieme, Terlizzi.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Professor Villani rassegna le dimissioni
Articolo successivoCosì inizia la Settimana Sociale Diocesana
Barbara Rita Corvasce
Barbara Corvasce è nata nel 1992. Ha conseguito la maturità socio-psico-pedagogica presso l'IISS "Scipione Staffa" nel 2010 con il massimo dei voti. Attualmente è laureanda in Cultura letteraria dell'età moderna e contemporanea; da Febbraio 2014 collabora come redattrice di cultura e attualità presso la testata telematica Barletta News e ha conseguito il titolo di Giornalista Pubblicista nel Giugno 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here