Telelaser operativo sulle strade di Barletta

foto1“E’ un investimento nella sicurezza non solo della strada ma dell’intera collettività, a tutela della vita. E’ stato reso possibile grazie a una parte dei proventi delle contravvenzioni effettuate nei confronti di chi viola il codice della strada: quindi dagli abusi si fanno derivare scelte virtuose”. Così il sindaco Pasquale Cascella in occasione dell’attivazione del servizio di tele laser, l’innovativa apparecchiatura mobile in dotazione al corpo di Polizia Municipale di Barletta per monitorare la viabilità nel perimetro stradale urbano, soprattutto lungo i tratti a scorrimento veloce.

“Il nuovo strumento – ha affermato l’assessore Marcello Lanotte – permetterà di verificare la velocità dei veicoli in tempo reale, identificando quelli che superano i limiti consentiti in modo da contestare simultaneamente l’infrazione, richiamare al rispetto delle regole e tutelare la sicurezza sia dei pedoni sia dei conducenti dei mezzi”.

“L’operatore – ha aggiunto il Comandante Savino Filannino – registrerà la sequenza sino al momento in cui il veicolo viene fermato, archiviando una copia della ripresa in cui sia perfettamente leggibile la targa, possibile in un raggio di 50/70 metri, a garanzia dell’efficacia della rilevazione”.

La simulazione è stata effettuata sul Lungomare Pietro Paolo Mennea dove in passato si sono verificati incidenti mortali. A testimoniarlo, la madre di una delle giovani vittime con altre donne impegnate nella divulgazione nelle scuole e nelle famiglie delle corrette regole stradali e nella diffusione di una cultura del rispetto.

“Questi strumenti sono necessari- ha sostenuto il sindaco – ma bisognerà fare di più per evitare che si ripetano sciagure come quella verificatasi ancora sabato scorso in via Cafiero. Abbiamo bisogno di investire nella cultura della sicurezza informando, diffondendo la consapevolezza del rischio e ogni forma di coinvolgimento utile a far crescere il rispetto della persona sulla strada e nella vita collettiva”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here