Un salto nel tempo e nel passato di quasi novant’anni a conferma di una passione automobilistica che è sempre stata viva sul nostro territorio. È questa la sintesi della seconda tappa della rievocazione della storica “Targa di Puglia”, Le corse di Federico, organizzata dall’omonima Associazione Sportiva Dilettantistica, e presentata alla stampa questa mattina a Barletta. La gara attraverserà i territori dei Comuni di Trani, Barletta e Altamura  toccando anche il maniero di Castel del Monte e avrà inizio venerdì 3 per concludersi domenica 5 maggio.

“Appena Targa Puglia ha presentato la proposta di passare tra le nostre vie  – ha commentato l’assessore alla politiche culturali Michele Ciniero – abbiamo immediatamente dato parere positivo venendo incontro alle esigenze dell’organizzazione che ha deciso di porre Barletta come base del tour. Siamo pronti, come sempre, a far ammirare il nostro pregiato patrimonio culturale certi che sarà apprezzato anche dai partecipanti alla manifestazione”.

Michele Perla, Presidente Targa Puglia, ha ringraziato tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo progetto e “sono grato al Comune di Barletta per la piena disponibilità garantita. Questi eventi sono non competitivi – ha continuato Perla – e proprio la non elevata velocità ci permetterà di apprezzare i luoghi, il panorama e le bellezze paesaggistiche di cui il percorso è pieno. Abbiamo tagliato in quattro pezzi la Puglia (la prima tappa si è già tenuta sul Gargano) per permettere a tutti i partecipanti di non affaticarsi inutilmente, di seguito sono previsti i percorsi che riguardano le province di Brindisi e Taranto e, infine, il Salento”.

Il primo raduno  di “Le corse di Federico” si terrà venerdì 3 nei pressi di Castel del Monte, dopo una visita al centro storico di Trani gli equipaggi si recheranno a Barletta dove trascorreranno la sera di sabato con una cena di Gala all’interno del Castello. Anche Canne della Battaglia sarà toccata dal tour.

Saranno 25 gli equipaggi provenienti da tutta Italia.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here