Una targa lapidea in ricordo di Francesco Conteduca, medaglia d’oro al valor militare

La figura storica di Francesco Conteduca quale protettore e precursore della nostra patria ha rivissuto un sentito e partecipato momento di ricordo ieri, 13 Novembre, lungo le vie di Barletta, alla presenza di autorità politiche, civili e militari. Francesco Conteduca, concittadino cui è stato intitolato il piazzale antistante la stazione ferroviaria cittadina e illustre destinatario della Medaglia d’oro al valor militare, combatté dal 18 al 20 Luglio del 1866 la battaglia di Lissa, episodio della terza guerra d’indipendenza, durante la quale perse la mano sinistra per il lancio di una granata nemica. La strenua ed eroica resistenza del militare, che continuò a combattere rifiutando i soccorsi nonostante la gravità della ferita, gli valsero l’eterno riconoscimento nazionale.

Il corteo ha intrapreso il suo cammino proprio da Piazza Conteduca, snodandosi attraverso Via Indipendenza, Via Gabbiani, e Via De Nittis. Giunto in Piazza Caduti in Guerra ha celebrato la solenne deposizione della corona di alloro ai piedi del monumento, accompagnata dall’intensa esecuzione dell’Inno ai Caduti. Ripreso il tragitto, ha percorso Corso Garibaldi e Corso Vittorio Emanuele, approdando infine in Via San Ruggiero, dove le autorità hanno terminato il loro itinerario ed ha avuto luogo la parte saliente dell’evento, con lo scoprimento della targa lapidea in memoria del valoroso marinaio cannoniere.

wp_20161113_035

A moderare gli interventi che ivi hanno avuto luogo è stato il giornalista Giuseppe Dimiccoli, che ha dapprima ceduto la parola al dottor Aiello, rappresentante della Prefettura, e a Carmela Peschechera, Presidente del Consiglio Comunale, per un breve ringraziamento. Alla presenza anche dei genitori del Maresciallo Carlo De Trizio, deceduto nel tragico attentato di Nassiriya il 27 Aprile 2006 e originario di Bisceglie, Ruggiero Piazzolla, Delegato provinciale delle Guardie d’Onore alla reali tombe del Pantheon, ha dapprima ringraziato per la sua presenza il Presidente nazionale dell’Istituto di cui sopra, il Capitano di vascello Ugo D’Atri, e poi omaggiato lo scultore Riccardo Lonigro, autore della ammirevole raffigurazione in altorilievo di Francesco Conteduca, ricavata da reperti fotografici d’epoca. I propositi odierni dell’associazione, ha ricordato Piazzolla, non sono solo quelli di proteggere e custodire, ma vivono allo scopo di “perpetuare principii etici e valori patriottici” trasmessi loro da indimenticabili personalità come quella del Conteduca.

Ad intervenire è poi il Presidente Ugo D’Atri, con un commosso ricordo di Carlo De Trizio, dal quale ha preso il via un accorato monito per le celebrazioni dei 150 anni dalla terza guerra d’indipendenza, anniversario ingiustamente passato inosservato, forse perché contemporaneo alla celebrazione triennale del centenario della Grande Guerra. Soffermatosi su quest’ultime, D’Atri ha affermato con veemenza dialettica il proprio disappunto per la scarsa considerazione nazionale delle manifestazioni di rimembranza bellica, sottolineando che nelle trincee e nel fango è nata la coscienza di un’unità italiana, e non nel provvedimento “amministrativo” del 17 Marzo 1861 per la proclamazione del Regno d’Italia.

ultimafoto

Prima della chiusura, coronata dal minuto di raccoglimento eseguito in onore di Tommaso Di Staso, guardia d’onore scomparsa qualche giorno addietro, è avvenuto lo scoprimento della targa lapidea apposta sulla facciata dello stabile, che recita:

In questa casa nacque, di modesti natali, Francesco Conteduca, cannoniere sulla fregata “Formidabile”, che alla battaglia di Lissa, in acque avverse, il 20 Luglio 1866, con impavido coraggio e sprezzo del pericolo, pur gravemente ferito, contro il nemico si scagliò, fulgido esempio di indomito ardimento. La patria riconoscente la medaglia d’oro al valor militare gli conferì e la città –memore- piazza stazione gli intitolò.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteFergola: “La nostra segnalazione è stata efficace. Ora, però, il Comune si attivi per l’adesione a DecoroUrbano.org”
Articolo successivoDomani l’inizio dei lavori al Liceo “Cafiero” di Barletta
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here