“Sulla corsia degli 80”, una vita di traguardi. Il nuovo libro di Matteo Bonadies

Ho tanta voglia di correre sulla terra rossa con le scarpette chiodate…
Ho tanta voglia di fare gli ottanta metri piani… ho tanta voglia di vincere…
Ho tanta voglia di vivere… ho tanta paura di morire…    
Ho tanta voglia di amare… ho tanta voglia di essere amato…
Ho tanta voglia di stare bene in salute….
Ho tanta voglia di fare qualcosa di nuovo…
Ho tanta voglia di lavorare …
Ho tanta voglia di fare l’amore …    
Ho tanta voglia di un tramonto…
Ho tanta voglia di dormire, di gridare di pace…
Ho tanta voglia di ballare e ascoltare buona musica…  
Ho tanta voglia di fare nuove amicizie…
Ho tanta voglia di scrivere i miei romanzi…
Ho tanta voglia di vincere un premio strega…
Ho tanta voglia di camminare sulle nuvole…
Ho tanta voglia di celebrità…
Ho tanta voglia di sparire per un po’ di tempo e ho tanta voglia di rivedere mio padre e mia madre.

Questi sono stati i versi introduttivi della serie di segmenti narrati dall’attrice Mary Dipace giovedì sera presso il lido Bagni 27, in occasione della presentazione del libro Sulla corsia degli 80 del noto imprenditore e scrittore, il Dott. Matteo Bonadies, Console Generale H. della Repubblica di Malta con competenza sulla circoscrizione territoriale composta dalla Regione Puglia. A moderare l’incontro, la giornalista Floriana Tolve.

“Un libro scritto di getto, un libro pazzo” – è stato definito dall’autore, parlando del suo ultimo operato. Un libro nato dal desiderio di prolungare le sue memorie al fine di lasciare un segno della sua vita, soprattutto per la sua famiglia.

In questo libro autobiografico emerge un Matteo che si svela senza timori ammettendo i suoi punti di forza e di debolezza. Un racconto di vita che parte dalla sua gioventù, esattamente nel 1957, anno in cui fu nominato studente più veloce della Puglia.

Un libro dove è riuscito a mettere a nudo sia i successi che le difficoltà della sua vita, una vita particolare, ricca di esperienze, di conoscenze e di amicizie. Tra le vere amicizie strette, ricorda quella con il velocista Pietro Paolo Mennea, in comune, la passione per le scarpette chiodate. Scarpette realizzate da veri chiodi accostate con divisa composta da pantaloncini bianchi e da canotta azzurra, esattamente come riportano i dati e le immagini storiche.

La passione per questo sport, ha permesso a Matteo all’età di diciotto anni, di raggiungere un gran bel punteggio, ovvero i nove secondi netti sugli ottanta metri piani.

Purtroppo non ha avuto occasione di proseguire agonisticamente questa disciplina ma ,nonostante tutto, lo scrittore non riserba rancori perché la vita gli ha regalato tante altre sorprese.

Questo suo nuovo libro si tratta di un’opera che incuriosisce perché Matteo Bonadies mette in risalto ben due traguardi: quello raggiunto all’età di diciotto anni in piena vitalità e quello a cui tutti sono destinati a raggiungere , chi prima chi dopo, ossia il traguardo della vita. Un altro punto di arrivo dove però, non ci sono premi o applausi.

Questa biografia, narra anche di affetti e valori. Affetti sinceri, come il suo primo nucleo famigliare al quale sarà sempre grato, alla famiglia che ha creato con sua moglie Francesca dalla quale ha avuto due figli e ai veri amici. 

Gradisce la fama, se ottenuta con impegno, ama le piccole cose come il tramonto, ha una passione per i motori, gli piace il sociale poiché un modo per confrontarsi e gli piace la vita, in tutte le sue sfumature.

Il Dott. Matteo Bonadies, imprenditore, scrittore, figlio e padre, in questa serata si è mostrato un uomo pieno di esperienza, una persona da cui è possibile imparare, un leader che ha intrattenuto il pubblico con la sua simpatia e onestà stuzzicando la curiosità dei presenti per questo nuovo libro “Sulla corsia degli 80”.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteDal Frecciarossa ai disagi ferroviari: quando si passerà dalle parole ai fatti?
Articolo successivo
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here