Sottovia Alvisi chiuso al traffico, Tonio Di Cuonzo: “Provo imbarazzo per chi Amministra questa città”

barlettanews - sottovia Alvisi

Delle scuse ce ne facciamo ben poco. Se ne fanno ben poco i cittadini costretti per ore, ancora nel 2018, a degli anacronistici passaggi a livello che adesso si vedono interdetto al traffico anche l’importante arteria stradale del sottovia Alvisi dopo l’imponente caduta di calcinacci avvenuta. A più di un anno (era il Novembre 2016) da una battaglia intrapresa personalmente per mettere in risalto il cattivissimo stato dei sottovia nulla è stato fatto. Più di un anno fa oltre a denunciare più volte anche a mezzo stampa, sono stato ospite di una nota trasmissione televisiva nella quale è intervenuta in qualità di ospite (aveva optato nell’occasione per la via telefonica) anche l’attuale Assessore ai lavori pubblici Marina Di Matteo. In quell’occasione oltre a palesare un non proprio nitido quadro della situazione, l’assessore prometteva di interessarsi fattivamente. Passato un anno cosa è stato fatto? Oltre ad aver prodotto un costante silenzio assordante? Credetemi, provo io imbarazzo per chi Amministra questa città. Ed oggi non posso, non può una città intera, limitarsi ad accettare passivamente delle scuse ne dal Primo Cittadino, ne tantomeno dall’assessore Di Matteo ne da chi ancora una volta ci ha male amministrato

Ci vogliono i fatti. Lo ripeto ancora una volta: quei sottovia versano in situazioni pessime (ed oggi è chiaro a tutti) ed alla stessa stregua il cavalcavia di Via Canosa (del quale posseggo reportage fotografico da me personalmente prodotto). Si intervenga immediatamente e ci si esponga pubblicamente prima di dover piangere, come ha sempre fatto questa amministrazione, in pieno stile coccodrillo. Amministratori, Sindaco Cascella, Assessore Di Matteo: se ci siete battete un colpo…possibilmente non molto forte visto lo stato delle infrastrutture in questione.

ANTONIO DI CUONZO (Coordinatore cittadino Forza Italia Giovani)

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here