Sono 4 i Comuni Ricicloni di Puglia nel 2013: Rutigliano, Monteparano, Cellamare e Troia

Barletta fuori dal podio dei Capoluoghi di provincia con solo il 20,8% di raccolta differenziata effettuata

Questa mattina Legambiente Puglia ha presentato la VI attesissima edizione di “COMUNI RICICLONI PUGLIA”, il rapporto che fotografa le migliori esperienze dei Comuni in tema di gestione dei rifiuti ed in particolare sulla raccolta differenziata. Quest’edizione è stata realizzata grazie al contributo dell’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, con il patrocinio di ANCI Puglia. Il dossier è stato presentato da Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia, alla presenza di Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia, Luigi Perrone, Presidente dell’Anci Puglia, Lorenzo Nicastro, Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Nicola Giorgino, Sindaco di Andria, Walter Facciotto, Direttore Generale di CONAI e Stefano Ciafani, Vice Presidente Nazionale di Legambiente. Il primo dato emerso è una triste realtà: la Puglia continua ad affidarsi alla discarica per smaltire la maggior parte dei propri rifiuti urbani (pari al 59%).

«Nella nostra regione si registrano percentuali di raccolta differenziata ancora troppo basse, intorno al 18%. Questo anche a causa della continua proroga dell’entrata in vigore dell’ecotassa (L.R. 38/2011), che in altre regioni, come ad esempio Marche e Sardegna, ha portato ad un incremento annuale della differenziata di dieci punti percentuali. I Comuni virtuosi devono essere premiati economicamente e l’ennesima proroga dell’ecotassa al 2015 sarebbe un grave errore. Inoltre, la dittatura delle discariche e dei termovalorizzatori in Puglia finirà solo quando le buone pratiche di raccolta differenziata saranno le protagoniste non solo in quattro città ma in tutti i 258 Comuni pugliesi» ha dichiarato Francesco Tarantini.

Quest’anno i Comuni Ricicloni di Puglia sono ben 4 ma Barletta non rientra tra questi. Sul podio il Comune barese di RUTIGLIANO che nel 2012 con soli 18.157 abitanti ha superato decisamente il limite minimo del 65% di RD imposto dalla legge nazionale, con una percentuale media del 79,7%. Seguono MONTEPARANO con il 70,3%, con il 70% e infine TROIA, con il 65,9%.

Sono invece 15 i Comuni pugliesi a vincere il Premio di Seconda Categoria, per aver raggiunto nel 2013 la media percentuale pari o superiore al 57% e/o al 65%, raggiungendo rispettivamente l’obiettivo di piano regionale e/o quello della normativa nazionale fissati per il 2012. I vincitori sono: CASALNUOVO MONTEROTARO (71,3%), ROCCAFORZATA (69,5%), CASALVECCHIO DI PUGLIA (69,4%), TORRE SANTA SUSANNA (69%), CANOSA DI PUGLIA (68,7%), ERCHIE (67,9%), ANDRIA (66,8%), MOLA DI BARI (65,4%), SAN PANCRAZIO SALENTINO (64,7%), OSTUNI (63,4%), GINOSA (61,8% RD), MESAGNE (61,1%), SAN MICHELE SALENTINO (61,1%), LATIANO (57,9%), SAN SEVERO (57,2%).

Deludenti anche per questa edizione i risultati conseguiti dai Capoluoghi di Provincia. Il Comune di BRINDISI, sebbene sia al primo posto, riesce a raggiungere solo il 31,7% di RD. ANDRIA si piazza al secondo posto con una percentuale ancora del 26,8%. Sul terzo gradino del podio BARI, che registra solo il 23,4% di RD e a seguire BARLETTA, con il appena il 20,8%. Critica la situazione a LECCE (16,5%), TRANI (15,1%) e TARANTO (12,9%) mentre sono disastrose le condizioni della raccolta differenziata a FOGGIA dove si è fermi al 2,4%.

17 Comuni invece hanno ricevuto la Menzione Speciale Start Up per aver avviato sistemi di raccolta differenziata innovativi, riuscendo ad ottenere, almeno in uno dei primi sei mesi del 2013, percentuali superiori al 50% di RD. E sono: MOTTA MONTECORVINO (Fg), LATERZA (Ta), FASANO (Br), SAVA (Ta), CRISPIANO (Ta), SAN FERDINANDO DI PUGLIA (Fg), CASSANO DELLE MURGE (Ba), SAN VITO DEI NORMANNI (Br), TRIGGIANO (Ba), MONTEMESOLA (Ta), ANZANO DI PUGLIA (Fg), PUTIGNANO (Ba), SAN PIETRO VERNOTICO (Br), FRANCAVILLA FONTANA (Br), ORIA (Br), MONTELEONE DI PUGLIA (Fg), MARGHERITA DI SAVOIA (Fg).

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteForconi per forza
Articolo successivoForconi più spuntati a Barletta
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here