Seminario di studi a Senigallia: per MCL una delegazione di Barletta

Si è tenuto recentemente a Senigallia un interessante seminario di studi intitolato “Per uno sviluppo fondato sul lavoro”. Tra i molti ospiti presenti, anche undici rappresentati del MCL partiti da Barletta, coordinati dal Presidente della sede locale Nardo Binetti e dalla guida spirituale Fra Michelangelo Lattanzio. I giovani MCL hanno condiviso con i lettori di Barletta News le loro emozioni, sensazioni e punti di vista rispetto agli argomenti affrontati durante il seminario. Ringraziandoli per la collaborazione, lasciamo interamente spazio alle loro voci.

Raffaele: «Il seminario ha coinvolto numerose personalità di spicco del Movimento Cristiano Lavoratori e del mondo universitario, politico e sindacale in generale. Personalmente parlando è il secondo anno che partecipo al seminario nazionale per i giovani MCL organizzato a Senigallia. La macchina organizzativa è ottima. Viaggio in treno, hotel e ristoranti di buona qualità, praticamente quasi tutti riempiti dai membri del MCL. Gli incontri tra i giovani e i seminari sono molto proficui e si dibatte sempre circa tematiche di forte attualità, attraverso una bella attività di dialogo e confronto. Oltre l’impegno e l’interesse, non sono mancati, in questa occasione, i momenti per lo svago e il divertimento (d’altronde siamo sempre ragazzi). Si è creato un bel gruppo, che ha permesso un piacevole soggiorno».

Barbara: «Anche quest’anno i giovani del Circolo “Don Luigi Sturzo” di Barletta hanno partecipato con grande entusiasmo al Congresso Nazionale Giovani MCL. Il tema interessante e profondamente attuale, ha raccolto un vasto e vario pubblico che si è trovato a riflettere sulle risposte ad alcune domande fondamentali per quanto riguarda la situazione in cui riversa in questo momento l’Italia: cosa si potrebbe fare per dare lavoro ai giovani? Quali sono gli ostacoli che impediscono la realizzazione di questo progetto? Quali strumenti, già utilizzati a volte da altri paesi europei, potrebbero cambiare la triste situazione del nostro Paese? Persone di grande spessore e professionalità hanno contribuito a trovare delle risposte, tra le quali anche il Presidente Nazionale del MCL Costalli, il quale ha annunciato ufficialmente la fine del suo incarico l’ultimo giorno del congresso. I giovani MCL sono soddisfatti ed entusiasti dell’esperienza vissuta che hanno colto come occasione, da giovani che si rispettino, anche per divertirsi e stare in compagnia. Un’unione perfetta tra riflessione e spensieratezza, cultura e convivialità».

Michele: «Sin dal primo incontro abbiamo discusso su varie tematiche, come: la disoccupazione, il pronto lavoro, la disinformazione dei neo diplomati-laureati sui vari punti di riferimento on-line per l’impiego,  il piano istituito dall’Europa, ovvero “Garanzia Giovani” (tirocinio e apprendistato)  ed infine sulle varie funzioni messe a disposizione dall’INPS per i giovani, precisando i vari vantaggi che se ne possono trarre per chi ha concluso gli studi universitari per il riscatto della laurea e i vari buoni lavoro.Sono stati tre giorni intensi e impegnativi, con i vari incontri, dibattiti e discussioni, affrontati con il Presidente Nazionale del MCL Carlo Costalli, il Vice Presidente Noè Ghidoni e le riflessioni spirituali di Mons. Francesco Rosso, Assistente Ecclesiastico Nazionale MCL. Ciò che mi ha spinto a partecipare all’incontro di Senigallia per i giovani è stato la voglia di intraprendere una strada proiettata verso il lavoro, verso un futuro migliore economicamente e moralmente parlando.Un’esperienza vissuta, grazie anche alla mia adesione al Movimento, tesserandomi proprio quest’anno nel circolo ” Don Luigi Sturzo” di Barletta. Questo Seminario Nazionale di studi vissuto a Senigallia mi ha lasciato pieno di motivazione, speranza e voglia di fare, con chi come me vuole far parte di questo movimento dando il proprio contributo e sostegno».

Giuseppe S.: «Per me è stato un momento di grande riflessione e apprendimento, ho colto i suggerimenti ottenuti durante le varie fasi del convegno, soprattutto riguardanti il lavoro per noi giovani, che in questo scarseggia. Grazie a questo convegno sono venuto a conoscenza di alcuni portali web che aiutano a cercare lavoro come per esempio: Garanzia giovani e Cliclavoro.it. Questo incontro,inoltre, mi ha permesso di confrontarmi con altre persone nella mia stessa situazione lavorativa. È stata una esperienza interessante è spero che ce ne siano altre in futuro»

Stefania: «Questa è stata la mia prima esperienza con l’MCL ,ed è stata molto illuminante e utile sopratutto per una neodiplomata che si affaccia per la prima volta nel mondo del lavoro. Le conferenze a cui ho partecipato erano frequentate da giovani di tutta Italia con la voglia e lo spirito di crearsi un futuro aiutandosi l’un l’altro ,cercando di non lasciare indietro nessuno, proponendo idee e miglioramenti per i tanti servizi che offre il movimento. Con particolare attenzione, ho ascoltato il discorso e i suggerimenti del Delegato Nazionale Giovani MCL Giancamillo Palmieri, il quale trattava temi riguardanti la disinformazione dei giovani e su le varie opportunità presenti on-line. Di grande aiuto e riflessione sono stati gli interventi del Mons. Francesco Rosso e di Mons. Mario Toso approfondendo gli aspetti sociali del lavoro . Oltre ai giovani e alle nuove imprese la dott.ssa Roberta Cargano ha cercato di dare nuove idee e spunti alle aziende già presenti da tempo sul nostro territorio ,che stanno attraversando un periodo di instabilità, consigliando metodi che diminuiscano la distanza tra “padrone” e “operaio” rendendo quest’ultimo più partecipe alle sorti dell’azienda, mostrandoci attraverso un video i risultati positivi che si possono ottenere con testimonianze vere..  Infine sono contenta essere entrata nel gruppo MCL nel circolo ” Don Luigi Sturzo” di Barletta, con presidente di base il gentilissimo Nardo Binetti e di aver vissuto una bella e ricca esperienza ,aprendo i miei confini sia nel campo culturale ,economico e sociale , dandomi l’opportunità di confrontarmi con dei miei coetanei con diversi punti di vista, regalandomi la giusta motivazione per il raggiungimento dei miei obbiettivi. Spero di aiutare a mia volta il gruppo nella sua crescita e a sostenerlo nelle varie iniziative».

Giuseppe M.: «Ciò che mi ha spinto a partecipare al convegno è stata la voglia di capire come approcciarmi nel miglior modo possibile al mondo del lavoro. Infatti, sin dai primi incontri abbiamo discusso delle varie tematiche del lavoro: disoccupazione,le poche opportunità offerte ai giovani e la difficoltà di approcciarsi al lavoro dopo aver terminato la scuola. Abbiamo anche parlato e abbiamo cercato di supporre come sia possibile migliorare la situazione lavorativa in Italia, e di come poter creare dei nuovi posti di lavoro. Questa esperienza mi ha trasmesso tanta speranza e voglia di fare nel trovare al più presto lavoro».

Alessandra: «Mi ha colpito molto una frase dell’intervento di Bonanni: “Il lavoro non si crea con le riforme ma con gli investimenti”. Questa considerazione racchiude dal mio punto di vista il cuore dei tre giorni».

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here