barriera corallina

Nelle profondità del mare adriatico, all’altezza della città di Monopoli, è stata scoperta una barriera corallina che si pensa possa estendersi oltre la città di Otranto.
A differenza di note barriere coralline, come nel caso di quella delle Maldive o di quella Australiana, dalla recente scoperta avvenuta il 5 marzo 2019 dai ricercatori del laboratorio di biologia di Bari, guidati dal professor Giuseppe Corriero, è emerso un dato insolito ossia che la barriera pugliese sarebbe situata in profondità del mare a circa 40 /50 metri, quando in realtà crescerebbero più esposte ai raggi solari.

Per questa ragione i colori sembrano essere più spenti rispetto ad altre scogliere coralline ma resta il fatto che tale scoperta non avrebbe precedenti in tutta l’Europa.

Per barriera corallina intendiamo una formazione tipica dei mari e oceani tropicali composta da formazioni rocciose sottomarine biogeniche costituite e accresciute dalla sedimentazione degli scheletri calcarei dei coralli e animali polipoidi facenti parte della classe antozoa, phylum Cnidaria. 

Nel caso della nuova scoperta parliamo di un ingente quantitativo di coralli, un caso sfuggito per anni dagli occhi umani. Per la tutela di questo patrimonio naturale, gli esperti avrebbero “allertato informalmente” l’Ufficio parchi e tutela della biodiversità della Regione.

Le foto sono fonte del giornale online “La tribuna”

 

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedente‘6° Appuntamento Mondiale dei Giovani della Pace’ fa tappa a Barletta
Articolo successivo
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here