Sanità: Romano, Vendola e Stefano accusano Renzi ma la Giunta chiude i Pronto Soccorso

Una dichiarazione del capogruppo Pd alla Regione Puglia, Pino Romano:

“Siamo al teatro dell’assurdo: Vendola e Stefano vanno in giro per la Puglia a dire che, se alle prossime regionali vincerà il Pd, Renzi procederà con tagli che faranno saltare il nostro sistema socio-sanitario. Intanto, in Puglia, Vendola mette a punto una riorganizzazione della rete emergenza-urgenza stabilendo non solo la chiusura di pronto soccorso strategici, ma rendendo quest’ultima propedeutica alla chiusura degli stessi ospedali. Vorrei far notare a Vendola e a Stefano, i quali chiedono al Pd di parlare la stessa lingua a Bari e a Roma, che siano loro i primi a parlare la stessa lingua di fronte ai pugliesi e, nel caso di Vendola, anche in Giunta dove si approvano provvedimenti con un forte impatto sulla salute dei cittadini, senza neppure consultare i loro rappresentanti a livello regionale: i consiglieri. Siamo d’accordo sulla necessità di una riorganizzazione della rete emergenza-urgenza, ma affinché questa sia migliorativa e, soprattutto, tenga conto di criteri che siano applicati alla stessa maniera in tutta la Puglia e che non salvaguardino solo alcuni territori. Il pronto soccorso è il primo presidio per salvare vite in pericolo e prevedere la chiusura di pronto soccorso costringerà moltissimi cittadini a fare la trottola tra ospedali. Infatti, ricordiamo brevemente che laddove verranno chiusi i pronto soccorso, verrà istituito un punto di primo intervento che non potrà accettare ricoveri. Quindi il paziente che ne avesse bisogno, dovrà passare dal punto di primo intervento all’ospedale dove c’è ancora il pronto soccorso, perfezionare la pratica di accettazione e poi tornare all’ospedale di primo intervento. Affollando ulteriormente, nel frattempo, le strutture dove rimarranno i pronto soccorso. Inoltre, il dubbio è che quegli ospedali non si potranno più fare ricoveri, siano destinati alla chiusura. Vendola dice che non gliene ‘frega niente della polemica politica’. E neanche a noi. Infatti la richiesta di migliorare questa riorganizzazione, motivo per cui il Pd presenterà degli emendamenti, non ha a che fare con la diatriba politica ma con la futura serenità dei pugliesi. Per questo chiediamo in anticipo al centrodestra di non cogliere questa occasione per punzecchiare la maggioranza, ma per fare proposte costruttive. Quanto al nuovo tormentone di ‘Renzi il cattivo’ che ce l’ha con le Regioni e i Comuni, ricordiamo a Vendola e Stefano che il governo ha sbloccato 200 milioni per opere in 128 Comuni e che più di 100 milioni sono stati destinati a Brindisi grazie alla capacità di progettazione del suo sindaco”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here