Rivera Magos apre il ciclo di lezioni sulla Disfida di Barletta

Il fitto calendario della rassegna “Archeologia Storia Arte. Materiali per la storia di Barletta (secc. IV a.C-XIX d.C.) riprende oggi 16 gennaio 2015, con il primo dei tre appuntamenti dedicati alla Disfida di Barletta. Alle 19.00 nella Libreria Cialuna aprirà le danze lo storico barlettano Victor Rivera Magos con una lezione intitolata “Del Gran Capitano fu la gran vittoria. La Disfida di Barletta e la fine del Medioevo”.

Cosa è stata realmente la Disfida di Barletta? Chi sono stati i suoi protagonisti? In quale contesto storico sono inseriti gli eventi del 1503? E chi era Consalvo da Cordova, Gran Capitano dell’esercito dei sovrani cattolici di Castiglia-Aragona, richiamato nel testo dell’epigrafe celebrativa della cattedrale di Barletta dedicata al Gran Capitano? Proprio il testo della famosa epigrafe firmata da Belisario Galimberti, alla quale la tradizione fa risalire la memoria della Disfida, sarà al centro della lezione. Perché proprio Barletta fu scelta come centro del comando spagnolo e come vissero i barlettani del tempo gli eventi che si svolsero attorno a loro? Ragionando di cavalleria e di guerra medievale, si proverà a rispondere a queste domande e a discutere di quello che è uno degli eventi maggiormente evocativi nell’intera storia della città di Barletta, richiamato nelle opere dei principali umanisti del Cinquecento e in quella del patriota italiano Massimo d’Azeglio.

Victor Rivera Magos si occupa di storia delle istituzioni medievali ed è autore di diversi saggi sulla storia di Barletta e del Mezzogiorno d’Italia nel Medioevo. Ha pubblicato con Laterza, Edipuglia, Mario Adda, Caratteri Mobili, Rotas. Vicepresidente dell’Associazione del Centro di Studi Normanno-Svevi e socio ordinario della Società di Storia Patria per la Puglia, insieme a Fulvio Delle Donne e Giulia Perrino è tra i promotori del gruppo di lavoro sulla Disfida di Barletta che sta lavorando a un volume di prossima uscita per i tipi di Cafagna Editore, giovane casa editrice barlettana.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here