Di seguito riportiamo il comunicato inviato in redazione sulla riunione tecnica di coordinamento delle forze dell’ordine che si è tenuta stamani in Prefettura a Barletta.

“Ringrazio ancora sua eccellenza il Prefetto, Emilio Dario Sensi, per avere accolto la richiesta mia e della città e di avere, con sollecitudine, convocato la riunione tecnica di coordinamento delle forze dell’ordine che si è riunita questa mattina nel Palazzo del Governo. Ringrazio anche il Questore Carmine Esposito per la sua presenza e i rappresentanti delle forze dell’ordine, perché questi sono segnali importanti di attenzione al territorio”.

Lo ha detto il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, a conclusione della riunione di stamani in prefettura a Barletta, dopo una serie di episodi criminosi, rapine perpetrate ai danni dell’ufficio postale, di una banca e di altri episodi verificatisi in città nei giorni scorsi, a cui si è aggiunta la concomitante preoccupazione del comparto agricolo locale per le sorti dei raccolti olivicoli. Essendo infatti il valore di mercato del prodotto in rialzo, a causa di un forte calo produttivo, i produttori temono che i raccolti possano essere oggetto di interessi delinquenziali.

Dalla riunione è emersa la decisione, da parte delle forze dell’ordine, in sinergia fra loro, di intensificare i controlli, in tutte le ore e su tutto il territorio. “Riponiamo la massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine che, con grande spirito di servizio, si faranno carico con la loro azione di intensificare i controlli, atti a prevenire e reprimere fenomeni criminosi, nonostante la ristrettezza delle risorse e gli innumerevoli compiti cui devono far fronte. Siamo certi del fatto che maggiori controlli serviranno a scoraggiare condotte delittuose – ha concluso il primo cittadino – e a ripristinare quel necessario clima di legalità perché un territorio cresca con ricadute positive sulla qualità della vita dei cittadini”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here