Riaperte le adesioni al Gruppo di Acquisto Solidale di Barletta

Al via la ricerca di piccoli produttori e di nuovi acquirenti

Il G.A.S. (Gruppo di Acquisto Solidale) di Barletta denominato “Vento di Maestrale”, ha riaperto le adesioni a nuovi cittadini dopo tre anni e mezzo dalla propria nascita in città. Al momento il GAS di Barletta è formato da quindici famiglie. Le adesioni sono aperte fino a un massimo di 25 famiglie. Attualmente in Puglia sono censiti oltre 70 Gas e oltre 120 Gruppi informali. Il responsabile Gerardo Tedesco, ha commentato così questa scelta: «Un gruppo d’acquisto è formato da un insieme di persone che decidono di incontrarsi per acquistare collettivamente all’ ingrosso prodotti alimentari o di uso comune. I gruppi cercano prodotti provenienti da piccoli produttori locali per avere la possibilità di conoscerli direttamente e per ridurre l’inquinamento e lo spreco di energia derivante dal trasporto (filiera corta),valorizzando allo stesso tempo la produzione e lo scambio prevalentemente locali di beni e servizi di qualità dal giusto prezzo (trasparente, adeguato per il produttore, accessibile al consumatore), favorendo in questo modo l’economia locale. Nasce dall’idea degli acquisti collettivi nel proprio giro di amici e, se si trovano altre persone interessate, si forma il gruppo. Insieme ci si occupa di ricercare nella zona piccoli produttori rispettosi dell’uomo e dell’ambiente, di raccogliere gli ordini tra chi aderisce e di acquistare i prodotti. Il coordinamento permette di facilitare al massimo il percorso per l’utilizzatore finale».
Un gruppo d’acquisto diventa solidale nel momento in cui decide di utilizzare il concetto di solidarietà come criterio guida nella scelta dei prodotti. Solidarietà che parte dai membri del gruppo e si estende ai piccoli produttori che forniscono i prodotti nel rispetto dell’ambiente. Il Responsabile della Rete GAS Puglia Uva Michele ha accolto favorevolmente la decisione di riaprire le adesioni a l GAS di Barletta «Siamo contenti dei risultati ottenuti negli ultimi mesi, l’attivismo di questo gruppo è l’esempio di come lavorando sul territorio regionale attraverso le fiere e manifestazioni pubbliche si ottengano risultati concreti. La gente comune mostra un forte interesse verso questo nuovo modo di fare economia e dimostra concretamente che si può vivere in maniera diversa, rispettando l’ambiente in cui si vive e risparmiando sulla spesa. Ci teniamo a sottolineare che questa decisione di allargare il gruppo di acquisto, ha la nostra piena approvazione perché è formato da famiglie e non da produttori come avviene in alcuni casi. Il Gruppo di acquisto “Vento di Maestrale” speriamo possa continuare ad essere un esempio e un punto di riferimento per tutta la città di Barletta. Ci teniamo a sottolineare che la Rete GAS Puglia avverte i consumatori che hanno voglia di aderire ad un nuovo GAS o ne vogliono crearne uno nuovo, che i Gruppi di Acquisto non sono formati da produttori e che i prodotti che si sceglie di acquistare devono rispettare tutte le regole igenico-sanitarie previste per legge. L’acquisto di prodotti locali non vuol dire acquistare prodotti fatti in casa dalla dubbia origine e non conformi alle leggi in vigore».

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteFinanziamenti per il recupero del patrimonio culturale: esclusa la BAT
Articolo successivo“Fra…mMenti di donna”: ancora una volta la donna protagonista tra poesia e dibattito
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here