Con l’Atto normativo del 17 marzo 1861 Legge n.4761, fu proclamato il Regno d’Italia con la quale Vittorio Emanuele II assunse per sé e per i suoi successori il titolo di Re d’Italia.

Tale evento si concluse dopo ben tre cruente Guerre d’Indipendenza ed alla Spedizione dei Mille. L’obbiettivo di unificazione finalmente si concretizzò.

Moltissimo sangue fu versato alla glorificazione di quest’Unità che fece seguito ad un sogno nato nelle coscienze dei cittadini della penisola già diversi secoli prima: a Barletta, alla conclusione della più famosa Disfida, nel momento in cui i 13 cavalieri francesi entrarono prigionieri all’interno della città, un unico urlo si levò tra la gente: Viva l’Italia.

Per tal motivo, l’Istituto Comprensivo Statale R. Musti – R. Dimiccoli in collaborazione con le Associazioni Anmig (Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra), l’Ancr (Associazione Nazionale Combattenti e Reduci) e la Delegazione Provinciale Bt Ingort (Istituto Nazionale Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon), con il Patrocinio del Comune di Barletta, coadiuvati dall’Amps (Associazione Nazionale Polizia di Stato), intende svolgere un evento commemorativo all’interno dell’Istituto Scolastico, della ricorrenza del 17 marzo, Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera, che si onorerà il giorno 18 marzo a partire dale ore 11.

Per tale evento gli alunni sfileranno con le bandiere e inni nazionali che dalla Repubblica Cisalpina ai giorni nostri hanno storicamente tracciato l’Unità d’Italia. Le attività sono realizzate dalle scolaresche mediante opera di ricerca e laboratori di disegno e musica. Verrà, altresì, intonato l’attuale Inno Nazionale durante la celebrazione dell’Alza Bandiera, con la collaborazione del coro di Istituto. In conclusione verranno letti i primi 12 articoli della Costituzione Italiana, elaborati dagli studenti di scuola secondaria di primo grado.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here