Raccolta porta a porta: positivi i primi dati

Si confermano positivi i dati della raccolta differenziata “porta a porta” che dal 19 maggio interessa i cittadini residenti del Centro storico e del rione Patalini, oltre che tutte le utenze non domestiche alimentari.
La raccolta ha registrato un incremento di quasi il 10% del dato complessivo rispetto all’avvio del “porta a porta” consentendo di raggiungere il 31,7% (rispetto al precedente 22%) della raccolta.
Il risultato è importante anche perché consente tendenzialmente di raggiungere l’obiettivo di un incremento del 5% rispetto al dato sull’anno precedente richiesto dalle normative in materia per evitare le penalizzazioni dell’ecotassa e il conseguente aggravio per i cittadini del relativo tributo.
Il bilancio dell’avvio del servizio “porta a porta” è stato compiuto nel corso di una serie di riunioni a Palazzo di Città convocate dal segretario generale Giovanni Porcelli, con la partecipazione degli assessori Irene Pisicchio, Anna Francabandiera, Marcello Lanotte, Antonio Divincenzo, dei dirigenti dei settori comunali interessati e dei responsabili di Bar.S.A..

Alcune criticità sono emerse soprattutto per il servizio nel Centro storico, area ad alto impatto turistico e con una forte presenza di attività commerciali.
In particolare, si è riscontrato il mancato rispetto degli orari e dei giorni di conferimento previsti dall’ordinanza e, da parte di alcuni esercenti, il non ottemperamento dell’obbligo di posizionare i bidoni carellati all’interno delle attività. Si è convenuto di affrontare la questioni emerse con alcuni correttivi che riducano i disagi senza dequalificare il servizio.

Per quanto riguarda le problematiche legate ai sacchetti consegnati ai cittadini, il direttore generale di Bar.S.A. Nunzio Scarpati nell’occasione ha precisato che la fornitura è sufficientemente stimata ai fabbisogni fino al 31 agosto. Quanto ai sacchetti per l’umido (che non sono di plastica ma di amido di mais come illustrato negli incontri pubblici), sono da prevedere nuovi annunci di sensibilizzazione ai cittadini affinchè tali contenitori siano utilizzati adeguatamente. E’ stato altresì annunciato che Bar.S.A. sta provvedendo a rifornirsi dei sacchetti per soddisfare il fabbisogno dei cittadini dal 1° settembre al 31 dicembre. Si sta inoltre considerando la possibilità di aumentare le campane di vetro, di collocare contenitori gettacarte nel Centro storico e di prevedere spazi più idonei al posizionamento dei contenitori per le deiezioni canine.

“Ringrazio tutti coloro che con senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente, del proprio territorio e delle generazioni che verranno – ha commentato l’assessore alle politiche ambientali Irene Pisicchio – collaborano con l’Amministrazione comunale e il gestore  per raggiungere gli obiettivi prefissati. Confido nell’ulteriore collaborazione di tutti cittadini. Nei prossimi giorni  aumenteranno e miglioreranno i controlli sul territorio perché l’impegno della maggioranza non sia vanificato dai comportamenti scorretti (persino con i furti dei mastelli) di pochi soggetti. Stiamo monitorando il territorio dei due quartieri – ha continuato l’assessore – con scrupolo e rispetto per gli utenti. E’ fisiologico che nella fase iniziale emergano criticità e problematiche da affrontare in tempi brevi. Ma i risultati già raggiunti confermano che la differenziata si può fare continuando a proseguire con fiducia una strada che vede già risultati estremamente positivi.”

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here