Ruggiero Quarto, portavoce al Senato del M5S:
 
“Oggi è un giorno molto triste. Ricorre l’ottavo anniversario del crollo di via Roma, nel quale sono rimaste uccise cinque giovani donne.
 
A tutti i loro cari rinnovo il mio cordoglio e condivido il loro dolore. La mia tristezza è poi amplificata dal fatto che queste vite in fiore siano state spezzate in un luogo di lavoro. Andar via da casa per guadagnarsi da vivere e non tornare più è una doppia pugnalata al cuore.
 
Per mia sensibilità, professionalità e ruolo, ogni collasso dell’edificato mi scuote terribilmente, nella consapevolezza che costruire e manutenere garantendo la sicurezza è possibile! E se succedono le catastrofi vuol dire che si deroga alla sacralità della Vita a favore di beceri idoli!
 
Come ben noto, Barletta nella sua storia del dopo guerra ha pagato un tributo molto alto alla “mala edilizia”: 8 dicembre 1952, via Magenta, 17 vittime; 16 settembre 1959, via Canosa, 58 vittime; 3 ottobre 2011, via Roma, 5 vittime. Per quel che mi consta, Barletta detiene il triste primato nazionale di crolli mortali in Italia, escludendo terremoti e alluvioni. Frutto solo del caso?
 
In tutti i casi il denominatore comune è stata una grave sottovalutazione delle condizioni di sicurezza nella costruzione e manutenzione degli edifici.
 
Questa triste ricorrenza deve essere un momento di riflessione per tutti, affinché ognuno per la sua parte si impegni a che non si ripetano tragedie simili. Ancor più chi occupa ruoli pubblici di responsabilità, come nel mio caso. È per questo che in Senato mi sto prodigando con tutte le mie forze a favore della sicurezza del territorio e del costruito, senza mai dimenticare il pianto di disperazione che si leva dopo ogni tragedia.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here