Psychosynthesis: the path to fulfillment and the balance paradigm for a better life

The reasons of the “being” and the wide range of its expressions unravel through the hard path of the existence. This happens through an intricate forest of entropic events that mankind interprets on the basis of his own beliefs. The path is long and narrow, but if properly addressed, it can set aside great surprises, changing forever the course of our life…

Psychosynthesis (or Biopsychosynthesis) is not a doctrine or a psychological current, but a method that offers, through a factual approach, the opportunity to make a journey into the self-knowledge, growing by a personal transformation and developing our own skills through an assisted and at the same time self-taught path. This approach offers an extremely effective procedure developed by the Italian psychiatrist Roberto Assagioli (1888-1974), which allows to regain our own balance. Psychosynthesis, therefore, is the ideal tool for actually achieving it. The psychosynthetic process allows such a result to be achieved through an inner research path essentially based upon three main phases:

  1. know yourself;
  2. possess yourself;
  3. transform yourself.

As Roberto Assagioli says, in order to accomplish this path safely, you need to learn how to recognize and avoid the pitfalls that we face along the life. This can be achieved by learning, both in grasping the “indications” of life itself and distinguishing the transpersonal dimension (spiritual) will, but also identifying true intuitions and learning how to discern them from the subconscious imagination and from the external suggestions. That’s very important to achieve your own psychophysical balance which can be done through a constant practice and making it at any occasion of our life.

 

How to cope with pain and survive to it?

As Assagioli writes in some notes: ” when we are tormented by the pain, when the troubles and the worries make us to lock our self in the shell of our personality and we are drawn to the weak-willed lamentations, to love recriminations, to the malicious “compassion of self “, we must oblige ourselves by a resolute act to come out from ourselves and to remember and realize how many human beings in every part of the world are suffering more than us (prisoners, body and soul sick people, slaves of the low passions, and the materially and morally abandoned, etc). Scattering this way your own bitterness drop across the great sea of ​​human pain, but remembering the meaning, the high purpose and the spiritual value of suffering; The glorious destination of human evolution; The final liberation and bliss in which every pain will find overwhelming compensation. ” Therefore, the pain has its own specific function and the father of Psychosynthes clarifies that: “no less strength is required to sustain prosperity instead of adversity. In moments and periods of well-being, we can easily make a serious mistake: living and acting just “personally”, loosening vigilance and discipline, neglecting to maintain continuous and conscious contact with the inner God. We delude ourselves to be free, strong and to control ourselves; We waste in sterile and sometimes low egoistic purposes the precious energies given to us from the Spirit (reality). Then it is needed for us to get ” the good sorrow” to shake us, to reform us, and to teach us to become worthy depositors of the gifts and powers of the Lord. “

Assagioli offers a personal example of how to use difficult life events as an opportunity to develop one’s personal and spiritual psychosynthesis in his new book “Freedom in jail”, just published by The Istituto di Psicosintesi and Gruppo alle Fonti.

The Istituto di Psicosintesi (www.psicosintesi.it) was established by Roberto Assagioli in Rome in 1926 and reopened in 1946 after the war. It was setted up as a non-profit organization since 1965. Its statutory aims are: “to spread the knowledge and favour the development of Psychosynthesis as an integral conception of the human personality, as well as promoting its applications in the fields of self-growth, education and psychotherapy, interpersonal and social relations”. It contains his library and an archive of his manuscripts and notes, some of which as yet unpublished.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteWhat’s UP? I film in uscita al cinema… dal 12 al 15 giugno
Articolo successivo
Studioso di numerose discipline, è autore di circa 140 articoli a carattere scientifico e storico. La sua produzione bibliografica si compone di ben 8 libri di cui è autore o coautore. Dopo la maturità classica studia antropologia presso l’Università di Bologna ed ottiene la co-docenza di Biopsicocibernetica presso il IV Dipartimento di filosofia, psicologia, sociologia e pedagogia dell’Università Aperta di Imola. Oltre all’interesse per l’epistemologia, la fisica, la filosofia e l’antropologia, sviluppa fin da giovane anche una forte passione per la storia e l’archeologia. Già dal 1976, infatti, entra a far parte dell’Archeoclub di Barletta e pubblica a partire dai primissimi anni ’80 dello scorso secolo vari articoli di storia locale su giornali quali “Il Banditore” e “Il Fieramosca”. Diventa in quegli anni grande frequentatore e profondo conoscitore degli archivi storici locali, quali: Archivio di Stato di Bari –Sez. di Barletta, Biblioteca Archivio Diocesano “Pio IX” – Sez. di Barletta, Archivio Notarile di Trani ed archivi privati. Nel 1991 realizza alcuni libretti di storia della città di Barletta per ragazzi, pubblicati in tre lingue. Nel 2004 collabora col prof. Quinto Casadio, Rettore dell’Università Aperta di Imola, a cui fornisce documenti attinenti la storia della città di Barletta nel corso della Seconda Guerra mondiale. Tale collaborazione gli varrà una menzione nel saggio storico del Rettore, intitolato Una resistenza rimasta nell’ombra (Editrice La Mandragora, Imola, 2004). E’ apprezzato relatore in conferenze pubbliche nazionali ed internazionali presso importanti istituzioni in campo parapsicologico come la Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni di Bologna e la Scottish Society for Psychical Research (SSPR). Pubblica articoli sulle più importanti riviste del settore, come "Luce e Ombra", i "Quaderni di Parapsicologia", “Il Giornale dei Misteri”, “La Ricerca Psichica”, “Lettere e Scritti”, “ITC Journal”. Ha scritto articoli scientifici sulla parapsicologia, tra gli altri, anche per il gruppo RCS (Rizzoli- Corriere della Sera). E’ spesso ospite di importanti trasmissioni televisive di reti nazionali ed internazionali (RAI 1 - RAI 2 – RAI 3 – Reti Mediaset – La7 - TSI – Discovery Channel – Travel Channel - SKY) e la sua attività di ricerca è frequentemente oggetto di pubblicazione da parte di periodici nazionali (Focus – Famiglia Cristiana – Chi – Libero – La Repubblica – Il Resto del Carlino – Ecc.) ed esteri. E’ stato protagonista, in qualità di parapsicologo, nella prima serie del fortunato programma televisivo Presenze di SKY. Ha ricoperto per undici anni l’incarico di Direttore della Sezione Ricerca del Laboratorio Interdisciplinare di Ricerca Biopsicocibernetica (Il Laboratorio) di cui è co-fondatore nel 2001. E’ apprezzato relatore in conferenze pubbliche nazionali ed internazionali presso importanti istituzioni in campo parapsicologico, come la Fondazione Biblioteca Bozzano-De Boni di Bologna, la Second International Conference on Current Research into Survival of Physical Death with Special reference to Instrumental Transcommunication (ITC) in Vigo (Spagna) e la Scottish Society for Psychical Research (Scozia). Per quest’ultima ha anche tenuto una conferenza presso la facoltà di fisica dell’Università di Glasgow (2007) ed un’altra presso la Società Teosofica Scozzese (2008). Dal 2005 fa parte della prestigiosa Parapsychological Association (PA), unica associazione di parapsicologi al mondo associata alla AAAS (Associazione Americana per il Progresso delle Scienze), ritenuta la più importante compagine scientifica del mondo. Dal 2008 entra nella ristretta rosa dei Professional Member della PA: unico italiano di origini meridionali che vi abbia mai fatto parte. Nel 2011 pubblica in qualità di coautore, assieme a don Ignazio Leone, il libro "Santa Lucia. Storia e devozione" (Cafagna Editore, Barletta, 2011). L’opera, che ottiene la prefazione di sua Eminenza il cardinale Francesco Monterisi, presenta una sua articolata indagine storico artistica-antropologica sul complesso monastico di S. Lucia di Barletta. E’ autore di un saggio scientifico sulla natura del tempo, di imminente pubblicazione sul mercato nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here