Presentato il progetto Ronsas per la produzione di fertilizzanti ottenuti dalla trasformazione dei fanghi biologici

<<Valutiamo con favore questa interessante opportunità che punta ad introdurre soluzioni all’avanguardia nella produzione di fertilizzanti, dando impulso a scelte coerenti con i princìpi dell’ecocompatibilità, segnatamente in materia di smaltimento e riutilizzo delle acque reflue. A tale significativa sperimentazione, funzionale anche alle moderne visioni agronomiche, Barletta esprime fiducia istituzionale ai soggetti promotori e apprezzamento per i promettenti sviluppi futuri>>. Commenta così l’assessore comunale all’Ambiente, Ruggiero Passero, l’odierna illustrazione del progetto Ronsas, avvenuta durante un incontro organizzato dall’Acquedotto Pugliese nel Castello di Barletta.

Ronsas ha come obiettivo l’utilizzo, all’interno delle aziende agricole del territorio pugliese e nell’ottica dell’economia circolare, del cosiddetto “gesso di defecazione da fanghi”, fertilizzante prodotto nei depuratori dalle acque reflue urbane. Tra la finalità della prossima sperimentazione, pianificata interessando i depuratori di Barletta e Foggia gestiti dall’Acquedotto Pugliese, c’è l’opportunità di analizzare la fattibilità tecnico – economica dell’innovativo sistema di trattamento dei fanghi biologici in grado di produrre il concime, correttivo dei suoli agrari, dalla riconosciuta azione benefica ascrivibile alla considerevole dotazione di sostanze organiche, incentivandone quindi la somministrazione al suolo.

Promosso dallo stesso AQP in sinergia con i partner industriali Green Ecol e Agrosistemi s.r.l., il progetto Ronsas è finanziato dalle Regione Puglia nell’ambito del P.O. FESR FSE Puglia 2014/2020 e si avvale, nella responsabilità di partner scientifici, delle Università di Bari e Cattolica del Sacro Cuore, di ARPA Puglia e del CREA, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here