Polizia: un arresto e una denuncia per due pregiudicati barlettani

polizia

Apprendiamo solo ora, tramite comunicato stampa ufficiale, delle importanti operazioni compiute dagli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza nelle ultime ore.

La prima delle operazione ha visto l’arresto, avvenuto lo scorso 10 marzo, del pregiudicato Gorgoglione Francesco, 23enne barlettano, in ottemperanza dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato riconosciuto quale autore della tentata rapina alla filiale barlettana della Banca Popolare di Milano, avvenuta il 17 febbraio scorso. Gorgoglione è stato facilmente riconosciuto dagli inquirenti grazie alle registrazioni delle telecamere di sicurezza e al rinvenimento delle sue impronte digitali.L’uomo era già agli arresti domiciliari a seguito della convalida del fermo di indiziato per la rapina  avvenuta presso una tabaccheria in via Regina Margherita il 22 febbraio, ed è stato anche il primo destinatario, nelle Province di Bari e Barletta-Andria-Trani, del beneficio dell’applicazione del braccialetto elettronico. Attualmente è detenuto presso il carcere di Trani.

La seconda operazione riguarda invece una nota pluripregiudicata, N. I., 64enne barlettana che, a seguito delle indagini della Polizia Giudiziale avvenute in seguito alla denuncia esposta dal personale dipendente dell’ufficio U.I.G.O.S., è stata ritenuta responsabile del reato di favoreggiamento alla prostituzione, reato per il quale annovera precedenti specifici. Le indagini sono state avviate a seguito delle numerose segnalazioni anonime giunte dopo l’operazione che ha visto la chiusura della casa di tolleranza gestita da cittadini cinesi. A seguito di numerosi appostamenti, gli agenti hanno scoperto che presso una villetta in via Minervino, due cittadine domenicane, munite di regolare permesso di soggiorno, si prostituivano, accordando prestazioni sessuali agli acquirenti dietro compensi di circa 50/100 euro. Le indagini hanno portato poi alla scoperta che la 64enne barlettana non solo incassava un fitto esoso per l’utilizzo dello stabile, ma si occupava anche della manutenzione dello stesso e, settimanalmente, si preoccupava di lavare biancheria e lenzuola delle due ragazze, dietro ulteriore compenso.L’operazione ha quindi portato all’identificazioni delle due domenicane, alla denuncia della pregiudicata barlettana e al conseguente sequestro preventivo del villino di proprietà della stessa.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta, tenta di estorcere denaro ai genitori: arrestato
Articolo successivoUltimi rigori tra Amministrazione e Barletta Calcio
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here