Proseguono le azioni del M5S per far sì che non esistano più le cosiddette “Agende Bloccate”. “Stiamo incontrando i direttori generali delle aziende sanitarie e ospedaliere pugliesi per chiedere loro di emanare una circolare in cui si ribadisce il divieto di sospensione delle attività di prenotazione. Oggi abbiamo avuto al Policlinico di Bari  un incontro con il Direttore Generale Migliore, che ci ha assicurato che presto prenderà provvedimenti in questo senso, come ha già fatto la scorsa settimana il direttore della ASl di Bari Sanguedolce”. Lo dichiarano i consiglieri del M5S Antonella Laricchia e Marco Galante.

La legge 266/2005 stabilisce chiaramente che alle aziende sanitarie ed ospedaliere è vietato sospendere le attività di prenotazione delle prestazioni.

 

“Invitiamo nuovamente – proseguono i pentastellati –  tutti i cittadini che si rivolgono ai CUP per  prenotare una prestazione a segnalare all’indirizzo  info@puglia5stelle.it. i casi in cui gli viene risposto che non è possibile perché le agende sono chiuse. Lo ribadiamo: la legge vieta assolutamente di farlo. Sono già centinaia le segnalazioni arrivate in pochi giorni: ci occuperemo personalmente di consegnarle ai D.G delle Asl,  che incontreremo nelle prossime settimane, in modo che possano che possano prendere le misure opportune. I cittadini, anche attraverso appositi cartelli affissi nei CUP devono conoscere i loro diritti. Abbiamo presentato una mozione con cui la giunta s’impegna a sollecitare i direttori delle ASL a emanare apposite circolari e continueremo a monitorare la situazione in tutta la Regione. Un compito che spetterebbe ad Emiliano. Se solo ogni tanto si ricordasse di essere assessore alla Sanità  e di dover tutelare la salute dei pugliesi”.

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here