L’animale e il bambino – I consigli della psicologa barlettana Liliana Bruno

Pet Therapy: una terapia sorprendente e singolare

Grazie alla Pet Therapy gli animali non sono solo più merce di consumo o semplici passatempi, ma sono impiegati a livello terapeutico con soggetti portatori di handicap, cardiopatici, ansiosi, depressi, anziani e bambini affetti da disturbi anche gravi della personalità, in ospedali, carceri, centri psichiatrici e centri di recupero per tossicodipendenza. In questa terapia è fondamentale individuare nell’animale la chiave di lettura dei risultati raggiunti.

L’utilizzo in modo consapevole degli animali in terapia risale al 1792, anno in cui William Tuke in Inghilterra incoraggiava i suoi pazienti, malati mentali, a prendersi cura degli animali, intuendo la capacità di incentivare l’autocontrollo e l’influenza umanizzante di questi ultimi. Nel 1867, in Germania, un istituto per pazienti epilettici inserì per primo cani, gatti e altri animali nei suoi programmi terapeutici. Nel 1953 il neuropsichiatria infantile Boris Levinson, scoprì l’azione positiva di un animale su un bambino con comportamenti autistici e iniziò le prime ricerche sugli effetti degli animali da compagnia in campo psichiatrico.
Fu lui, infatti, a coniare il termine Pet Therapy nel suo libro “The dogs as Co-therapist”. Il significato letterale poteva riassumersi in “terapia dell’animale da affezione”. Oggi questa definizione è superata visto che l’attività con gli animali è stata inserita in nuovi contesti terapeutici, educativi, ludici, ricreative e sociali.  Ad ogni modo la Pet Therapy sbarcò in Italia solo nel 1987 durante un convegno svoltosi a Milano su “Il ruolo degli animali nella società”.

Secondo l’Associazione Interdisciplinare Coterapie, si tratta di una co-terapia strutturata secondo differenti  tipologie di intervento così definite:Attività Assistite con Animali (AAA): interventi di tipo educativo o ricreativo, con la generale finalità di migliorare la  qualità della vita degli assistiti; Terapie Assistite con Animali (TAA): interventi finalizzati al miglioramento di alterazioni di disturbi fisici, della sfera emotiva e cognitiva, conseguenza di determinate patologie e malesseri emozionali e psicologici. Tale tipologia d’intervento prevede la possibilità di monitorare sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo i risultati raggiunti nelle diverse fasi terapeutiche realizzate da professionisti specificamente formati; Educazione assistita con Animali (EAA): raccoglie quei processi educativi che prevedono l’impiego dell’animale. Generalmente rivolto alle Scuole.

Ovviamente il personale che opera nel campo delle attività e delle terapie assistite dagli animali, necessita di una formazione adeguata e di un perfezionamento continuo affinché ogni progetto possa essere ideato, pianificato e realizzato nel modo più aggiornato ed efficace possibile, nel rispetto delle esigenze dell’utente e animale. Ora, su richiesta di alcuni lettori, diamo uno sguardo più approfondito su l’utilizzo della Pet Therapy con bambini affetti da particolari patologie, grazie alla consulenza della psicoterapeuta cognitivo comportamentale Liliana Bruno, che ci ha gentilmente concesso l’utizizzo delle sue fotografie.

1

La Pet Therapy nei bambini dà risultati soddisfacenti?
Questa terapia si basa sul concetto che gli animali hanno un ruolo fondamentale nel permettere ai bambini di aprire un canale comunicativo, esternare le loro emozioni e imparare a relazionarsi proprio attraverso il contatto fisico con essi. L’intervento degli animali è mirato a stimolare l’attenzione, a stabilire un contatto visivo e tattile, un’interazione sia dal punto di vista comunicativo che emozionale, a favorire il rilassamento e a controllare ansia ed eccitazione, ad esercitare la manualità anche per chi ha limitate capacità di movimento, a favorire la mobilitazione degli arti superiori o di quelli inferiori. Gli animali contribuiscono, in taluni casi, al processo di guarigione, migliorando disturbi di tipo fisico, motorio, emotivo, cognitivo, fisico e psicologico. È importante ricordare sempre che la Pet Therapy è considerata una co-terapia, ovvero è una terapia complementare, deve cioè affiancare, e integrare, una terapia tradizionale e deve essere individualizzata per ogni patologia; gli animali perciò sono considerati co-protagonisti dell’intervento terapeutico.

È importante la relazione che l’animale instaura con il bambino?
Certo, importantissima! L’animale ha libero accesso a quella zona definita da Hall (antropologo statunitense, studente di prossemica) “ZONA INTIMA” che è riservata alle figure di massima fiducia con le quali esiste un rapporto affettivo significativo. La relazione tra uomo e animale crea così un legame di attaccamento, basato appunto sulla fiducia, che viene in seguito trasferito prima al terapeuta poi esteso agli altri individui. Attraverso attività ludiche divertenti, il cane riesce ad agire positivamente sulla psiche umana liberando energie positive e sensazioni di benessere e calma.

Quali sono le tipologie di pazienti più indicati per la Pet Therapy?
Studi più recenti confermano l’efficacia della Pet Therapy in:
-sindromi autistiche;
-bambini con sindromi genetiche e ritardi mentali;
-nel recupero di pazienti con trauma cranici, ictus, malattie generative
– persone che soffrono di depressione;
-persone diversamente abili sia dal punto di vista fisico che psichico;
-in anziani istituzionalizzati: gli animali creano un clima maggiormente domestico e famigliare, aumentando in tal modo il coinvolgimento sociale ed interpersonale del paziente;

2

Pensi ci sia ancora dello scetticismo intorno a questa pratica?
Nonostante In Italia il decreto Sirchia (aprile 2003) abbia sancito la Pet Therapy come attività di appoggio riconosciuta dal Ministero della Sanità e molti ospedali abbiano aperto le porte di vari reparti ad animali, spesso viene vista come mera attività ludica che soddisfa le esigenze limitate di soggetti in difficoltà e non come un valido supporto a terapie “scientificamente riconosciute”.

Che tipo di formazione devono avere gli operatori?
Per diventare operatore di Pet Therapy è necessario iscriversi ad un corso di formazione dove poter acquisire le competenze sia pratiche che teoriche per poter lavorare in questo settore. Competenze sia legate alle caratteristiche generali degli animali coinvolti nella Pet Therapy, che alle diverse patologie e disabilità con cui si avrà a che fare. Sono molte le associazioni e gli enti che organizzano i corsi in tutt’Italia: tra queste l’Associazione Italiana Pet Therapy, solo per fare un esempio.

È sempre necessario il supporto di uno psicologo?
È necessario un lavoro di equipe, tra diverse figure professionali, tra cui lo psicologo, che possano progettare un percorso terapeutico che tenga conto sia del benessere dell’ individuo che dell’animale co-terapeuta. Il progetto dovrebbe prevedere attività che mirano a raggiungere obiettivi a breve e a lungo termine, personalizzati ed adattati ad ogni singola persona, in base ai suoi punti di forza e debolezza.

Tu che tipo di esperienza hai avuto?
La scorsa estate, durante un progetto denominato “E..state sereni 2013” organizzato dalla Cooperativa TMA Group e rivolto a bambini e ragazzi con autismo provenienti da tutta Italia, ho avuto modo di collaborare con il Gruppo Cinofilo Dauno di Foggia ed altre associazioni del territorio. I bambini sono entrati in contatto con cani, conigli, cavalli e asini e, nonostante le loro difficoltà nell’interazione sociale e nella comunicazione verbale, è stato molto emozionante osservare come riuscivano a prendersi cura di questi animali, mettendo da parte le loro paure o comportamenti eteroaggressivi, come si affidavano a loro, portandoli al guinzaglio o facendo una passeggiata a cavallo. Gli animali hanno permesso ai bambini di esprimere le loro emozioni con molta serenità e, attraverso questi, sono entrati in contatto con altri adulti (i veterinari e i conduttori cinofili), per i quali non avevano precedentemente mostrato nessun interesse.

A chi devono rivolgersi le famiglie – qui a Barletta –  per intraprendere questo percorso?
Possono fare riferimento all’Associazione L.E.D.A. e il cigno (ledaeilcignoasd@gmail.com)

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCresce l’attesa per “l’apertura” della Capitaneria di Porto
Articolo successivoAvviata Gara d’Appalto per lavori all’ITG “P.L. Nervi” di Barletta
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here