“La donna è ciclica, l’uomo lineare”. Lo spettacolo di Geppi Cucciari andato in scena ieri al Teatro Curci di Barletta è partito da un assunto molto semplice ma al tempo stesso di forte impatto.

Perfetta è dunque un’analisi attenta e divertente (non sarebbe potuto essere altrimenti) di come la donna, proprio come la luna, sia succube alle fasi cicliche, tanto che queste ultime sono in grado di influenzare anche le attività più semplici.

Il monologo, raccontato dall’attrice sarda e scritto dall’ormai compianto Mattia Torre, mostra, ancora una volta, la completa sensibilità dell’autore, che trattato un tema così comune non banalizzandolo.

Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, Perfetta non è un elenco sterile di tutti gli ‘isterismi’ che caratterizzano la donna poco prima dell’arrivo delle mestruazioni: la pièce è la sintesi di un’osservazione attenta e scrupolosa che, invece di fermarsi alle apparenze, cerca una spiegazione quanto più razionale possibile.

Geppi Cucciari durante il suo monologo ha raccontato di un mese della vita della donna e di come questo venga scandito dalle quattro fasi del ciclo femminile.

Di martedì in martedì, per quattro settimane differenti, è stato evidenziato come delle apparenti e comuni giornate si siano sì susseguite identiche nei ritmi, ma siano state vissute in maniera differente. 

Il ciclo mestruale, dopotutto, è proprio questo: un fenomeno che plasma gli stati d’animo, le reazioni, le emozioni e gli umori di chiunque, 28 giorni dopo 28, li vive. 

Nonostante i passi in avanti siano stati tanti, il ciclo mestruale resta ancora un tabù: Perfetta, dunque, parte proprio da questo divieto e cerca di renderlo naturale non solo per gli uomini ma anche per le donne stesse.

Il tutto, trattato con l’umorismo cinico che contraddistingue Geppi Cucciari, si rivela un esperimento decisamente andato a buon fine e in grado di divertire il pubblico, che, risata dopo risata, viene anche portato alla riflessione.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe donne di De Nittis a Ferrara, Confronto a distanza con Boldini
Articolo successivoIl fonte battesimale tra fede, liturgia e arte in un corso intensivo
Sonia Tondolo
Sonia Tondolo classe 1993, consegue la maturità classica presso il Liceo Classico “A.Casardi” di Barletta. Prosegue gli studi umanistici laureandosi in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari “A.Moro”. È appassionata di letteratura e giornalismo e sta proseguendo il suo percorso di studi specializzandosi in giornalismo e cultura editoriale. Attualmente è redattrice di Barletta News e si occupa di attualità ed eventi cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here