Pastore su Ori di Puglia: “Dalla terra il meglio della nostra regione”

I provvedimenti del parlamento e del governo italiani per affrontare l’emergenza Xylella, il contrasto alla erosione delle coste, l’esenzione dell’Imu agricola per chi coltiva e lavora i propri terreni. Sono stati questi i temi centrali dell’incontro su Ori di Puglia, dalla terra il meglio della nostra regione, che si è tenuto a Barletta, presso il comitato elettorale del candidato al consiglio regionale Franco Pastore (nella lista Emiliano sindaco di Puglia), consigliere uscente, già componete della Commissione Ambiente in regione.

I temi sono stati sviluppati grazie all’intervento dell’onorele Oreste Pastorelli (Psi), componente della VIII commissione Ambiente della Camera e all’intervento di Gigi Cappabianca, componente di un gruppo di autoproduzione agricola di Barletta.

“La Puglia è una terra bellissima e ricca di biodiversità ma, al contempo, sono tante le criticità ambientali che la riguardano, dall’erosione delle coste, alle emissioni in atmosfera, alla contaminazione delle falde in qualche caso e su questo bisogna e stiamo intervenendo, avendo un quadro chiaro della situazione, perché non diventi irrecuperabile e non comprometta la salute e la qualità della vita delle persone”, ha detto Pastorelli.

“Ringrazio la crisi – ha sottolineato Cappabianca – perché è stato anche grazie ad essa se molte persone hanno riscoperto il valore della terra e dell’autoproduzione, di una agricoltura consapevole e rispettosa della terra e dell’ambienta”.

Il consigliere uscente Franco Pastore ha ricordato il lavoro svolto nei cinque anni di consiliatura alla regione, nelle commissioni Agricoltura e Ambiente, le proposte di legge e gli emendamenti presentati, l’assiduità del suo impegno e la perseveranza nell’essere riusciti ad approvare un piano paesaggistico che è stato in grado, dopo un lavoro di concertazione fra i soggetti coinvolti durato due anni, di coniugare le esigenze di tutti.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here