Pasqua. Dove vanno i Barlettani?

Cresce la voglia di mettersi in viaggio per il primo ponte di primavera

601491_593052890762197_617492494_nMancano pochi giorni a Pasqua e molti barlettani aspettano già da tempo questa festività per concedersi qualche giorno di relax e, per i più fortunati, una vera vacanza. Il dato più interessante è che in molti hanno già pensato alle proprie vacanze pasquali molto tempo prima per aggiudicarsi le quote più competitive.   Da una parte ci sono giovani e famiglie  che hanno scelto le mete a lungo raggio, tanti altri hanno deciso, invece, di soggiornare nelle strutture ricettive pugliesi. Ciò permette di organizzare , anche solo per un giorno, un itinerario alla scoperta di interessanti eventi culturali e delle meraviglie architettoniche regionali, come Castel del Monte ad Andria, o i trulli di Alberobello, gustando  allo stesso tempo le prelibatezze della cucina locale preparate per le festività pasquali. A tal proposito, il responsabile dell’agenzia di viaggi Italicaintour  di Barletta, Giuseppe Chiariello, ci ha fornito importanti informazioni  per fare il punto della situazione sulle prenotazioni dei barlettani per il break pasquale.

Quali sono le destinazioni più richieste?

Sicuramente vi è un andamento positivo per gli short break europei con interesse focalizzato sulle capitali dell’est: Vienna, Praga e Budapest. Per chi invece è voluto rimanere in zona, molto richiesti sono gli agriturismi o le masserie pugliesi che coniugano l’ottima cucina con il contatto con la natura. Anche le prenotazioni per le crociere sono aumentate in quanto, essendo l’agenzia di riferimento di Msc nella nostra città, abbiamo offerto dei pacchetti molto convenienti per le famiglie. Infatti, la crociera è una tipologia di viaggio ritagliata su misura per ogni fascia di età che soddisfa le esigenze di ogni tipo di viaggiatore, quindi, perfetta per trascorrere le vacanze pasquali.

Indicativamente, sa dirmi qual è la fascia di età dei turisti  per questo ponte pasquale?

E’ vasta, va dai 18 ai 60 anni. Nella fascia di età che va dai 18 ai 35 anni Berlino e Vienna sono le più richieste, Parigi, Londra, Praga, Barcellona a seguire. Londra è anche la città più richiesta per i corsi di lingua e per il programma Work&Travel anche se per periodi più lunghi rispetto alla durata delle vacanze pasquali. Le famiglie invece, hanno optato di più per i classici tre giorni nelle zone limitrofe.

Quanto hanno speso mediamente  i giovani, per questo break pasquale?

Le vacanze ”al risparmio” sono sicuramente il segno distintivo per i ”meno giovani”. In molti hanno scelto di soggiornare nelle capitali europee  per un week end di due notti e tre giorni ma hanno giocato di anticipo effettuando le prenotazioni almeno tre mesi prima cogliendo al volo le diverse promozioni.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiunta pre-Pasquale senza grandi sorprese
Articolo successivoLa Scuola “scopre” l’Archivio di Stato – Parte II
31 anni, nata in Colombia ma barlettana d’adozione, appassionata di comunicazione in tutte le sue forme, ha fatto delle sue scelte universitarie il suo indirizzo di vita. Consegue la laurea specialistica in “Editoria e giornalismo” con tesi sul Citizen journalism . Partecipa ai master in Marketing, Comunicazione e Digital Strategy e al Master Universitario in Traduzione Letteraria e Tecnico-Scientifica – MUTLT. Ha scritto per : Il Tacco d’Italia, Forza Roma e As Sport. Traduttrice di articoli riguardanti l’economia, la comunicazione, la medicina, l’ambiente e la manualistica, attualmente lavora come mediatrice linguistica interculturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here