Oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’ Omeopatia

In concomitanza con l’anniversario della nascita di Samuel Hahnemann, medico tedesco e fondatore della medicina omeopatica, il 10 aprile si celebra la Giornata Mondiale dell’Omeopatia. Lo slogan di questa giornata è “Stiamo bene naturalmente” promosso dall’Associazione medica italiana di omotossicologia AIOT.

I medici dell’ AIOT  durante la Giornata Mondale dell’Omeopatia hanno offerto in tutta Italia check-up gratuiti  con lo scopo di presentare altri tipi di cure derivanti dal metodo della medicina omeopatica e ovviamente cercare di sensibilizzare la cittadinanza nella prevenzione e nel condurre uno stile di vita salutare.

Si tratta di conferenze totalmente gratuite che spaziano tra vari argomenti, lezioni tecnico scentifiche, visite omeopatiche e divulgazione dei molteplici benefici di questa medicina al fine di avvicinare sempre più persone a questo metodo alternativo di cure.

Oggi l’omeopatia è una medicina piuttosto discussa perché non tutti credono nei risultati di questa tecnica che spesso viene messa sotto una cattiva luce e definita una pseudo- scienza.

Invece i risultati ci sono e le ricerche sono in continuo incremento anche se andrebbero più ampliate. Esistono studi che certificherebbero la medicina omeopatica dalla ricerca di base a quella clinica.

Dall’anno 2002 la medicina omeopatica è riconosciuta come un vero e proprio atto medico, infatti la FNOMCEO  ossia la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, ha espresso la sua posizione in merito all’omeopatia organizzando dei criteri formativi obbligatori per una possibile qualifica di Medico Omeopata.

Quindi per diventare medico omeopata è necessario frequentare un corso di formazione specifica riconosciuta al fine di ottenere tale qualifica. Chiunque altro si spacci per medico omeopata senza aver conseguito nulla di tutto ciò è certamente abusivo.

Anche per quanto riguarda l’AIFA , Agenzia Italiana del Farmaco ci sono delle sezioni dedicate alla medicina omeopatica. Il medicinale omeopatico sarà inserito nel protuario dell’AIFA come un vero e proprio farmaco e quindi non più definibile come un preparato.

In Italia esiste un ospedale con esperienza clinica di medicina integrata come in quello di Pitigliano e la FIAMO è sempre a completa disposizione per tutti i cittadini, pazienti e colleghi per qualsisi informazione.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLosappio : “Nuova ‘luce’ in via delle Querce”
Articolo successivo
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here