Nuova Cestistica Barletta, confermati Menas Stephens e Luca Amorese

Primi tasselli per la C Silver, il main-sponsor sarà ancora Rosito Caffè

nuova cestistica

La promozione, il titolo di migliore squadra dell’intera Serie D regionale grazie ai 46 punti raccolti nell’arco dell’intera stagione e tanta voglia di fare bene in vista dell’imminente futuro. La Rosito Nuova Cestistica Barletta ripartirà dalle certezze della scorsa annata per il prossimo campionato. Confermata la guida tecnica, con Gino Degni che sarà nuovamente il coach della compagine biancorossa, la dirigenza è a lavoro per costruire un roster che sia in grado di ben figurare anche in C Silver.

Il primo tassello c’è già: Menas Stephens per il terzo anno consecutivo vestirà la maglia della Cestistica Barletta. Miglior marcatore del campionato di Serie D nella scorsa stagione con quasi 30 punti di media per partita giocata, il classe ’92 nativo di Los Angeles ha dimostrato in questi anni di poter essere il valore aggiunto della squadra in qualsiasi situazione. “Siamo molto felici della sua conferma – ha ammesso coach Degni – sia noi che il giocatore non abbiamo mai avuto nessun dubbio a proseguire insieme questo cammino. Menas è un giocatore che conosce già il campionato e non ha bisogno di adattarsi, questo sarà sicuramente un vantaggio. Ripartiamo con tanta voglia di fare bene”.

Dopo Menas Stephens, un’altra conferma importante in casa Rosito BarlettaLuca Amorese continuerà a vestire la maglia biancorossa anche nella prossima stagione. Playmaker classe ’97, nel suo curriculum già due esperienze in A2 con Roseto Sharks e Basket Recanati, oltre a tanta Serie C con Nuova Pallacanestro Ceglie, Eagles Palermo, Pallacanestro Recanati e Juve Trani. Fra i protagonisti della promozione in C Silver della Cestistica, ha chiuso la scorsa annata con 14 punti di media.

“Non ho mai avuto dubbi – le parole di Amorese – il mio obiettivo era quello di restare a Barletta, nonostante qualche proposta importante. Ho accettato subito, sento il dovere di proseguire un percorso di crescita insieme ai miei compagni. Trovare un ambiente così familiare, poi, non è facile e sono davvero soddisfatto della mia scelta. Che campionato mi aspetto? Affrontare un campionato di livello superiore non è mai facile, ma i presupposti per fare bene ci sono. Abbiamo dimostrato a tutti che l’età non è assolutamente un limite”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here