Noa & Love Medicine Band per la prima volta a Barletta

Noa

Prima volta per Noa a Barletta, presso il Teatro Curci , nell’ambito della 34. ma Stagione dell’Associazione Cultura e Musica “G. Curci” con la direzione Artistica del maestro Francesco Monopoli.

Giovedì, 5 aprile , con porta alle ore 20,45 e inizio alle ore 21,15 , in esclusiva regionale, NOA sarà a Barletta, presso il Teatro Curci,  con il suo gruppo:
GIL DOR alla chitarra, ADAM BEN EZRA al contrabbasso e GADI SERI alle percussioni.

NOA, nome d’arte di Achinoam Nini – “portatrice di pace” – è una cantante israeliana che ha conquistato le platee di tutto il mondo. Le sue canzoni sono fortemente influenzate dal suo ambiente d’origine e dall’Italia. Dopo aver partecipato a ben 5 edizioni del Festival di Sanremo, aver cantato davanti a due Papi e ai potenti della Terra, aver realizzato colonne sonore da premio Oscar, come La vita è bella di Nicola Piovani, ecco che arriva per la prima volta a Barletta.

La sua voce cristallina mescola armoniosamente jazz, rock americano e suggestioni mediorientali, superando tutte le frontiere culturali. Interprete in Vaticano di un’Ave Maria che ha commosso il mondo e protagonista di numerosi festival di musica etnica, Achinoam Nini (Noa per tutti) è diventata in pochi anni una stella acclamata della world music. La “voce di Israele”, amata dal grande pubblico per la capacità di toccare il cuore della gente con la sua musica e la profondità del suo messaggio, celebrata dalla critica internazionale per il suo talento artistico, Noa torna al grande pubblico, con un tour mondiale, a distanza di quattro anni anni dall’ultimo disco, con un nuovo progetto discografico e live dal titolo “Love Medicine”.

Il concerto di Barletta,  prende le mosse proprio da questo ultimo album dell’Artista “Love Medicine ” nel quale, oltre alle composizioni originali scritte sempre da Noa e con gli arrangiamenti musicali del suo partner storico,il chitarrista Gil Dor, potremo ascoltare un brano di Pat Metheny ” Ethernity and Beauthy ” di cui Noa ha scritto il testo, una versione in ebraico della famosa “Paz” di Gilberto Gil ed un brano del noto cantautore spagnolo Joachim Sabina. Ma nel concerto al Teatro Curci di Barletta, saranno riproposte alcune delle canzoni napoletane contenute nel precendente album “Noapolis” e alcune novità assolute come la riproposizione di alcune sonate di Bach,sulle quali Noa ha scritto dei testi originali,facendo diventare brani famosi del celebre compositore in canzoni moderne.
Il concerto sarà per gli ascoltatori un lungo e piacevole viaggio nel quale Noa affronterà i tempi più impegnativi di oggi : l’emigrazione, la violenza sulle donne, la libertà, la giustizia, la pace tra i popoli e non solo tra Israele e Palestina,tema sul quale si è spesa molto in prima persona,spesso subendo ingenerosi attacchi nel suo Paese, dalle parti più conservatrici del suo paese. Ricordiamo che Noa è stata insignita dal Presidente Napolitano del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana proprio per il suo impegno pacifista e recentemente è diventata Commendatore della Repubblica Italiana, nominata dal Presidente Mattarella. E’ ambasciatrice della FAO da molti anni,è stata l’unica cantante che Papa Francesco ha voluto al raduno mondiale della Gioventù dell’anno scorso a Cracovia,l’unica a cantare per più di un milione di giovani provenienti da tutto il Mondo.
La accompagnano i suoi straordinari musicisti : Gil Dor,suo insegnante più di 27 anni fa e sempre al suo fianco,completano la band il talentuoso contrabbassista Adam Ben Ezra e il percussionista di origine yemenite come Noa,Gadi Seri.
I live saranno l’occasione per ripercorrere le canzoni più amate della carriera di questa straordinaria interprete, capace di conquistare anche l’ascoltatore più esigente con la sua voce angelica e la sua presenza scenica magnetica.

Per informazioni 0883 332456  Botteghino del Teatro Curci  – Corso V. Emanuele, 71 – Barletta ( 10 -13    17.30 – 20.30) Associazione Cultura e Musica “G. Curci”                           tel. 380 3454431, info@culturaemusica.it ; www.culturaemusica.it;   www.facebook.com/asscurci; @asscurci

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here