Nasce Futura: la voce delle donne vittime di violenza

Un passo avanti per sviluppare la cultura della Nonviolenza
2

Finalmente sono stati attivati i due Centri Antiviolenza “Futura” della Provincia di Barletta – Andria – Trani, ad Andria (al secondo piano di Via Don Luigi Sturzo 46/a) e Barletta (Piazza Aldo Moro). Il centro provinciale antiviolenza è un servizio della Bat che, intende promuovere una cultura di genere non-violenta poiché la violenza di genere raccoglie in sé tutti i comportamenti che una donna può ritrovarsi a subire all’interno di un ambito relazionale. Un centro che accoglie tutte le donne e minori che hanno subito o che sono a rischio di subire ogni tipo di violenza, da quella psicologica a quella emotiva o a quella sessuale dando loro aiuto, tutela e protezione attraverso un’offerta molteplice di servizi personalizzati rivolti sia direttamente alle vittime che agli attori del territorio.

1

Oltre alle sedi di Andria e Barletta, i Centri vantano sportelli di prossimità nelle città di Canosa di Puglia, Margherita di Savoia e Minervino Murge. E’ importante che questi presidi di sicurezza siano gestiti da donne per le donne e che collaborino in stretta sinergia con i servizi sociali e sanitari, in particolare il Pronto soccorso e le forze dell’ordine che operano nel territorio al fine di poter accompagnare le donne in un percorso di affermazione del proprio diritto alla vita. A questo proposito emblematiche sono le parole del presidente del l’Osservatorio” Giulia e Rossella”, Tina Arbues: “Spero che questo momento sia propedeutico per i successivi momenti di sensibilizzazione pubblici nelle scuole perché se non parliamo di cultura della non violenza questi centri serviranno a ben poco” .

Al termine dell’ inaugurazione cui sono intervenuti il Sindaco Cascella e il Presidente della Provincia Bat, Francesco Ventola, il quale ha illustrato alla stampa i dettagli sulle attività dei CAV, inserite nell’ampio progetto “Provincia Amica” ed ha puntualizzato come i Centri siano a disposizione di tutto il territorio ed ha espresso il proprio augurio affinchè tali fenomeni di violenza nei confronti delle donne e dei minori, di cui purtroppo ogni giorno sentiamo parlare, possano essere efficacemente combattuti . La rete antiviolenza provinciale sarà quindi condivisa con tutti gli attori del territorio per far sì che ogni donna possa abitare i propri sogni, riscoprirsi e sentirsi libera di decidere per sé.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta non rinuncia alla benedizione degli animali
Articolo successivo“La Buona Politica” e l’Europeismo come opportunità per la cittadinanza e il territorio.
31 anni, nata in Colombia ma barlettana d’adozione, appassionata di comunicazione in tutte le sue forme, ha fatto delle sue scelte universitarie il suo indirizzo di vita. Consegue la laurea specialistica in “Editoria e giornalismo” con tesi sul Citizen journalism . Partecipa ai master in Marketing, Comunicazione e Digital Strategy e al Master Universitario in Traduzione Letteraria e Tecnico-Scientifica – MUTLT. Ha scritto per : Il Tacco d’Italia, Forza Roma e As Sport. Traduttrice di articoli riguardanti l’economia, la comunicazione, la medicina, l’ambiente e la manualistica, attualmente lavora come mediatrice linguistica interculturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here