Riportiamo la lettera inviata da Aldo Musti a BarlettaNews sulla questione del congiungimento di via dei Muratori con via degli Artigiani:

Ho ascoltato qualche giorno fa il dibattito consiliare riguardante la questione di via dei Muratori, e temo che sia necessario fare poche, rapide, puntualizzazioni, non per alimentare polemiche, ma per chiarezza ed amore di verità.

C’è una delibera di consiglio comunale (n. 51/2011) che dà l’indirizzo di ultimare la progettazione di via dei Muratori. Questa delibera è valida ed efficace ed è ormai intangibile, essendo coperta dal giudicato favorevole (sentenza Cons. Stato, IV, n. 5908). La pendenza di altri contenziosi resta irrilevante, visto che qualsiasi sia l’esito di questi giudizi, la delibera n. 51/2011 resterà intatta. Chi dice cose diverse dovrebbe informarsi meglio.

Se neppure oggi l’Amministrazione guidata dal Sindaco Cascella, ormai al termine del suo mandato, vuole realizzare l’indirizzo dato dal Consiglio sette anni fa, non congiungendo via dei Muratori con via degli Artigiani, e lasciando così i numerosi imprenditori e le numerosissime maestranze nella disastrosa situazione di viabilità e di circolazione in cui versa da anni la zona merceologica, era sufficiente dirlo lealmente, senza nascondersi.

E senza cadere in inappropriate considerazioni di dubbio gusto sui cittadini che rivolgendosi ai giudici “disturbano” gli Amministratori ed i funzionari comunali, distraendoli dalla loro incessante cura del bene comune, notoriamente tanto apprezzata dai cittadini. Chi lo pensa, ha evidentemente dimenticato che “Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa”. E che questo “manifesto” del nostro Stato di Diritto non è stato scritto da qualche invasato, affetto da bulimia da contenzioso, ma dai nostri “Padri Costituenti” di cui tutti, pure un artigiano come me, hanno sentito parlare, e che dovrebbe essere patrimonio consolidato di chi ha frequentato per tanto tempo le più alte Istituzioni.

Dovrebbe preoccupare, ed indignare, maggiormente il cittadino “col cappello in mano”, di quello che si rivolge al giudice per chiedere tutela, esercitando i propri diritti costituzionali, nel rispetto della legge e delle procedure. Tanto più quando il cittadino si rivolge al giudice, spinto dalla sordità dell’Amministrazione.

Né può sottacersi che, la rettifica cartografica delle tavole grafiche del Piano regolatore, richiamata dal Sindaco in assise, è stata possibile, grazie, al ricorso ai giudici amministrativi da parte di un cittadino. In particolare, il Consiglio comunale il 2015 ha deliberato “Di dare esecuzione ed ottemperare alle sentenze del TAR Puglia, Bari n. 953 del 18/07/2014 e n. 83 del 15/01/2015 procedendo alla rettifica cartografica delle tavole del PRG vigente numeri D2, E1 ed E2 relativamente alla previsione urbanistica di via dei Muratori- via degli Artigiani…”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here